k-9 head

K-9 Mail: nel 2016, ancora il miglior client di posta per Android? (foto)

Leonardo Banchi

K-9 Mail è probabilmente un nome noto a molti fra i lettori più appassionati: si tratta infatti di un’applicazione open source che, fin dagli albori della storia di Android, si è proposta come una delle alternative più complete per la gestione della posta elettronica, grazie alle sue molte funzionalità ed alla possibilità di gestire facilmente account multipli.

Oggigiorno però, la concorrenza è più che mai agguerrita, e sempre più sono le app che aspirano al titolo di miglior client email per Android. Lo sviluppo di K-9 Mail è stato sufficiente per mantenerle tutte a distanza, così com’era qualche anno fa? Scopriamolo insieme!

I punti di forza e i punti deboli

Iniziamo partendo dai punti forti di K-9 Mail, che nonostante i molti cambiamenti sono rimasti gli stessi: interfaccia pulita, possibilità di gestire numerosi account separatamente o in modo unificato e ricchezza di molte impostazioni e funzionalità, che vi permetteranno di personalizzare l’utilizzo della posta elettronica secondo le vostre esigenze, modificando ad esempio la modalità di visualizzazione, le impostazioni di sincronizzazione e la gestione della memoria come meglio credete.

LEGGI ANCHE: Gmail vi lascerà personalizzare l’indirizzo email, per 2$ al mese

D’altro canto, oramai non è più così difficile trovare applicazioni in grado di sincronizzare molti account (anche lo stesso Gmail ne dà la possibilità), e l’interfaccia “spartana” di K-9 Mail potrebbe non essere adatta a tutti gli utenti, soprattutto a quelli oramai abituati al Material Design, che si troveranno sicuramente un po’ spaesati a causa della mancanza dell’ormai nota sidebar, del pulsante FAB e soprattutto delle gesture per agire sui messaggi in elenco, alle quali molti altri client ci hanno abituati.

In più, come spesso avviene per app complete di molte funzioni, la navigazione fra vari menu di K-9 Mail, nonché la configurazione iniziale dei propri account di posta, non è immediata ed intuitiva come in altre soluzioni recenti, anche se si tratta comunque di difficoltà che si possono superare con un po’ di abitudine o con l’utilizzo di opzioni come quella di esportazione delle proprie configurazioni, molto utile in caso sia necessario formattare il proprio dispositivo.

Download gratuito

La domanda, come era prevedibile, rimane aperta: K-9 Mail ha infatti ancora molte frecce nel suo arco (peccato per la compatibilità con Exchange, punto forte all’inizio del suo sviluppo e tuttora ferma ad Exchange 2007), ma lo stacco sui principali concorrenti è sempre più sottile, tanto che l’app si trova addirittura a dover inseguire su alcuni fronti.

Siamo quindi curiosi di conoscere la vostra opinione: quanti di voi reputano ancora irrinunciabile K-9 Mail, e quanti hanno invece abbandonato il suo utilizzo per rivolgersi verso altri client? Fatecelo sapere nei commenti!

Google Play Badge