Google Play Store final

I codici promozionali per app e giochi arrivano finalmente sul Play Store, ma ci sono dei limiti

Nicola Ligas -

Il Google Play Store si mette finalmente in pari con l’App Store di Apple (dopo anni!), fornendo agli sviluppatori la possibilità di generare dei codici promozionali per app e giochi tramite la developer console.

Codici di questo tipo sono solitamente usati dai publisher per fini pubblicitari, in modo da far avere gratuitamente l’app o dei relativi contenuti in-app a recensori e addetti ai lavori, ma possono essere sfruttati dagli sviluppatori anche per concorsi, promozioni e altre offerte legate alle proprie applicazioni.

LEGGI ANCHEGoogle pubblica 154 consigli per usare meglio… Google!

Questo sistema ha comunque i suoi limiti, e non sono pochi.

  • Ciascuno sviluppatore potrà generare fino ad un massimo di 500 promo code per trimestre, e quelli inutilizzati al termine non saranno più validi.
  • Con i codici promozionali potranno essere offerte sia app che giochi che contenuti in-app, ma non libri, riviste, film o musica, ed in ogni caso non possono essere creati codici per servizi in abbonamento.
  • Gli sviluppatori potranno inoltre impostare una data di scadenza per ciascun codice (sembra che per ora il massimo sia un anno), che volendo potranno anche mettere in pausa, ma in ogni caso una volta utilizzato non sarà più valido.

Questo è più o meno quello che c’è da sapere sul servizio, ma gli sviluppatori interessati vorranno visitare anche la pagina in italiano del supporto Google che spiega nel dettaglio il funzionamento della creazione di promozioni su Google Play.

Giochi