Dizionario

Cos’è NFC (Near Field Communication)? – Android dalla A alla Z

Emanuele Cisotti -

Si parla molto di NFC, una tecnologia sempre più comune nei dispositivi mobili ma che nell’ottica generale non ha ancora preso piede abbastanza da essere una tecnologia di facile comprensione.

Near Field Communication (NFC) è una tecnologia che fornisce connettività wireless (RF) bidirezionale a corto raggio (fino ad un massimo di 10 cm). È stata sviluppata congiuntamente da Philips, Sony e Nokia, ma ad oggi è inclusa negli smartphone delle aziende più famose (ad esclusione di Apple).

L’NFC è una tecnologia nata dall’evoluzione di RFID (Radio Frequency Identification – Identificazione a radio frequenza), insieme a altre tecnologie di connettività senza fili. Al contrario però dei chip RFID, NFC permette una comunicazione bidirezionale, permettendo quindi di mettere realmente in contatto Initiator e Target (ovvero chi esegue la connessione e chi la riceve), quando questi vengono accostati in un raggio di 4 centimetri.

In questo modo viene creata una rete peer-to-peer fra i due dispositivi. La tecnologia NFC lavora a una frequenza di 13,56MHz e può raggiungere una velocità di picco di 424 kbit/s. L’NFC può essere integrato direttamente tramite un chip integrato oppure tramite l’uso di una speciale scheda esterna che sfrutta le porte delle schede SD o mini SD.

Nonostante NFC permetta anche di trasferire dati, solitamente vi viene preferito a questo scopo il bluetooth o il Wi-Fi Direct, utilizzando però magari la connessione NFC per iniziare la connessione, permettendo ai due dispositivi di essere messi in contatto fisicamente per scambiare un file.

NFC viene spesso poi tirato in ballo quando si parla di pagamenti mobile, perché è uno dei modi più “comuni” di avviare una transizione bancaria sicura (come per esempio fanno Vodafone e Telecom).