certificazione final - 1

OnePlus One Mini, Oppo A30 e Redmi 3 sono stati tutti certificati, ma qualche dubbio resta (foto)

Nicola Ligas

È un fine anno molto impegnato quello del TENAA, l’ente di certificazione cinese che si è dato da fare con OnePlus, Oppo e Xiaomi, fotografando e descrivendo tre nuovi smartphone, uno per ciascuno dei produttori citati. Andiamo quindi a vedere, in caratteristiche e foto, cosa è in arrivo.

Partiamo da OnePlus One Mini (nome non definitivo), del quale abbiamo già parlato in passato con voci contrastanti, ma che a quanto pare esiste davvero. Si tratta del modello “One E1000“, che viene descritto come un 4,99” full HD Super AMOLED, con Snapdragon 810, 3 GB di RAM, 16 GB di memoria interna espandibile, fotocamera posteriore da 13 megapixel e fotocamera frontale da 8 megapixel, il tutto con Android 5.1.1 pre-installato.

Ci sono però un paio di stranezze al riguardo. Anzitutto lo smartphone è descritto come nero, ma nelle foto è invece candido come la neve; a parte questo, OnePlus One Mini è identico in tutto e per tutto ad Oppo A30, anch’esso appena certificato dal TENAA, con le medesime caratteristiche ed il medesimo look (vedi galleria qui sotto), giusto per confermare che il legame tra OnePlus ed Oppo non è mai troppo sottile.

Rimaniamo sinceramente molto scettici circa l’introduzione a breve di un nuovo modello di OnePlus, per di più con uno smartphone che presenta non poche affinità con OnePlus X, e che potrebbe al massimo essere una variante locale di quest’ultimo, ma non pensiamo niente di più.

Venendo invece a Xiaomi, abbiamo la certificazione di quella che sembra una variante, sia estetica che non, di Redmi Note 3, che potrebbe diventare quindi Redmi 3. Si tratta sempre di uno smartphone con corpo in metallo (che sia l’inizio di un nuovo corso per Xiaomi?), con uno schermo da 5” HD, ignoto processore octa-core a 1,5 GHz (Snapdragon 616 o Helio P10 MT6755?) accompagnato da 2 GB di RAM e 16 GB di memoria internaRedmi 3 è anche dual SIM con supporto a reti 4G LTE e basato sulla MIUI 7 con Android 5.1.1. 

Secondo le ultime voci al riguardo, lo smartphone dovrebbe costare solo 699 yuan, circa 100€, ma ormai dei prezzi di Xiaomi nella fascia bassa non si stupisce più nessuno, anche se l’azienda cinese sta forse rischiando di saturare/sovrapporre un po’ la propria line up, ed anche il design, come mostrano le foto qui sotto, ormai non è che brilli più molto per originalità.

 

Via: Phone ArenaFonte: GizmoChina
Xiaomi Redmi 3