Soul On Display (1)

Lo smartphone aiuta a superare le difficoltà di comunicazione, grazie all’app Soul On Display

Leonardo Banchi -

La versatilità dei moderni dispositivi, oltre che per il puro intrattenimento e per le comodità della vita quotidiana, può fortunatamente essere utilizzata anche per abbattere barriere di comunicazione: è il caso di Soul On Display, un’applicazione gratuita basata sul sistema di comunicazione PECS (Picture Exchange Communication System), che ha l’obiettivo di aiutare persone con disturbi dello spetto autistico, o che soffrano di altri tipi di difficoltà di comunicazione, ad esprimersi con gli altri.

Il funzionamento di Soul on Display è tanto semplice quanto efficace: l’applicazione include infatti numerosi termini, raggruppati per categoria e rappresentati da un’immagine, che possono essere utilizzati per esprimere azioni, sensazioni e sentimenti oppure per descrivere degli oggetti.

LEGGI ANCHE: I ricercatori di Stanford usano i Google Glass per curare l’autismo

Tali termini potranno essere utilizzati singolarmente, per comunicare il significato rappresentato, oppure combinati in gruppi, per un massimo di tre, per formare delle frasi di senso compiuto. Tutto questo può essere fatto attraverso un’interfaccia davvero semplice, che anche nella composizione di una frase assiste l’utilizzatore suggerendo termini e locuzioni compatibili con quello scelto inizialmente.

Download gratuito

Soul On Display è disponibile gratuitamente sul Play Store, e può essere utilizzato senza visualizzare mai alcuna pubblicità: tuttavia, se si vuole contribuire in modo gratuito allo sviluppo di questo interessante strumento, è possibile utilizzare un pulsante al suo interno per guardare un breve spot.

Google Play Badge