root marshmallow final

Chainfire ha rilasciato un metodo per il root senza modifica della partizione System

Nicola Ligas -

Ottenere i permessi di root è ormai una cosa assodata su Android; farlo in maniera “trasparente” è un’altra cosa, tanto più che Android 6.0 Marshmallow ha iniziato a diventare un po’ allergico alle modifiche. Sembra però che ci sia riuscito Chainfire, che ha ottenuto i permessi di root senza modificare la partizione System. Le immagini di boot per tutti i Nexus con Marshmallow ed uno speciale pacchetto di SuperSU per la TWRP sono infatti già disponibili su XDA.

Uno dei vantaggi di questo metodo è ad esempio la semplicità nel ricevere aggiornamenti OTA: è sufficiente flashare la partizione di boot originaria, che è un’operazione di poco conto e molto rapida, che non compromette i dati utente, oltre al fatto che meno modifiche vengono fatte a /system, e più garanzie ci sono di avere un sistema non compromesso.

LEGGI ANCHEUna completa installazione Linux nascosta fra le app: ecco come fare, con GNURoot (foto)

Notate però che non tutte le opzioni di SuperSU sono presenti in questo modo, e che ancora non è stato verificato il suo corretto funzionamento su dispositivi crittografati. In ogni caso su XDA trovate tutti i file necessari per procedere e non dubitiamo che a breve arriveranno i pacchetti anche per altri smartphone. Se questo sarà o meno il futuro dei metodi di root, lo scopriremo solo tra qualche tempo.

 

Via: Chainfire