crittografia

Marshmallow reintroduce la crittografia obbligatoria sui nuovi smartphone (aggiornato)

Lorenzo Quiroli -

Con Android 5.0 Lollipop, Google aveva introdotto nel CDD, ossia il documento di definizione della compatibilità, contenente tutte le norme, hardware e software, che i produttori devono rispettare per poter creare un dispositivo Android compatibile, l’obbligo della crittografia della memoria.

Quest’obbligo fu poi rimosso dopo qualche mese, lasciando così i soli Nexus 6 e Nexus 9 ad avere la crittografia abilitata di default. Ora però, come Google aveva promesso, la crittografia torna obbligatoria per i dispositivi che saranno venduti con Android 6.0 Marshmallow preinstallato, a partire da Nexus 5X e Nexus 6P.

LEGGI ANCHE: Quanto incide la crittografia sulle prestazioni?

Sia chiaro che il requisito si applica solo ai device futuri, non a quelli già venduti che saranno poi aggiornati a Marshmallow (ad esempio Nexus 5).

Aggiornamento: l’obbligo sussisterà solo se il dispositivo supporterà la crittografia totale del disco e con AES avrà prestazioni superiori ai 50 MiB/secondo.

Fonte: Androidpolice