ransomware

Adult Player promette porno gratis e invece fotografa gli utenti e li ricatta

Nicola Ligas -

La morale della favola è sempre la stessa: scaricate app solo da fonti affidabili (Google Play in primis), e scaricate app che non abbiano “secondi fini”, e così nella maggior parte dei casi non avrete problemi. Ci sarebbe poi un corollario: diffidate di tutto ciò che è gratis, almeno in linea di principio.

La storia di Adult Player riassume infatti un po’ tutta questa premessa. Si tratta di un’app gratuita, disponibile al di fuori del Play Store, che promette contenuti a luci rosse gratuiti, ma che nasconde diverse insidie. Una volta installata, questa chiederà il permesso di controllare il lock screen, e dopo aver catturato un buon ammontare di foto del suo utilizzatore (ovviamente a sua insaputa) sfruttando la fotocamera frontale, provvederà opportunamente a ricattarlo. Se non saranno versati 500$, lo smartphone sarà inutilizzabile e magari le foto diffuse, dato che Adult Player non permetterà di bypassare il lock screen in alcun modo (ma su quest’ultimo punto si potrebbero facilmente trovare vari escamotage).

LEGGI ANCHEIl “Netflix del porno” si chiama Pornhub Premium

Software di questo tipo vengono chiamati Ransomware, e sono quelli in pratica che chiedono un riscatto per restituire agli impanicati utenti l’utilizzo dei loro dispositivi. Si potrebbe obiettare che bisogna proprio andarsele a cercare, ed in effetti è così, ma è anche vero che se nessuno “ci cascasse”, software di questo tipo non esisterebbero, e ad ogni nuovo report di questi tentativi di estorsione non sappiamo se sorridere per la goffaggine e la perseveranza del tentativo, o compatire chi ci sia cascato.

Se foste poi interessati ai dettagli tecnici circa il funzionamento di questo particolare Ransomware, trovate un’esaustiva spiegazione nel link alla fonte, da parte degli stessi ricercatori che l’hanno scovato.

Via: The Next WebFonte: Zscaler