pushbullet crittografia

Pushbullet ora supporta la crittografia end-to-end (download apk)

Nicola Ligas -

Pushbullet annuncia il supporto alla crittografia end-to-end per il mirroring delle notifiche, il copia / incolla universale e gli SMS, in modo che tutti i vostri dati siano sempre al sicuro nel transito tra PC e smartphone, e viceversa.

Sia chiaro che finora i dati non erano a troppo a rischio, dato che la connessione avveniva tramite HTTPS, ma in ogni caso non erano crittografati, il che significa che Pushbullet vi poteva accedere, volendo.

Con la crittografia end-to-end invece, i dati vengono crittografati prima di lasciare il vostro dispositivo con un algoritmo AES-256 con GCM authentication, e decrittografati solo alla ricezione. Chiunque li intercetti nel mezzo non sarà in grado di interpretarli, rendendo quindi lo scambio sicuro.

LEGGI ANCHE: QKSMS ora è gratis!

Per attivare la crittografia dovrete scegliere una password (che non sarà memorizzata ma verrà usata per calcolare una chiave di cifratura con funzione PBKDF2) che dovrete inserire manualmente in ogni dispositivo in cui vorrete utilizzare Pushbullet.

A questo proposito, la crittografia end-to-end è supportata su Android a partire dalla versione 16.5.4 di Pushbullet, su Chrome con l’estensione v264 e successive, e su Windows con la versione 360 o successiva dell’app. Tutti gli altri (iOS, Mac e altri browser) arriveranno solo in seguito.

Godetevi quindi questo aggiornamento di Pushbullet con il solito badge (o con il download diretto), e ricordate che oltre a quanto detto finora potrete anche selezionare e cancellare più push alla volta, e che nelle impostazioni troverete un pulsante per cancellare la cronologia.

Google Play Badge

Fonte: Pushbullet