motorola lollipop final

Motorola spiega il perché del ritardo negli aggiornamenti

Lorenzo Quiroli Motorola era stata una rivelazione nella velocità di aggiornamento a KitKat, ma con Lollipop ci ha messo più tempo; perché?

Motorola è riuscita a differenziarsi negli ultimi anni grazie ad una filosofia semplice ma efficace: un Android che mantiene tutti i suoi tratti caratteristici, per chi non apprezza pesanti personalizzazioni, con poche funzionalità (ma buone!) proprietarie, il tutto coronato da aggiornamenti veloci.

Se con KitKat però l’azienda ha fatto davvero un ottimo lavoro, con Lollipop, pur mantenendosi a buoni livelli, non è stata così veloce. Perché? Il primo motivo secondo Jim Wicks, senior vice president of consumer experience design, è nel caso di Moto X (2013) il SoC, ormai vecchio e poco supportato dai partner. Motorola creò un suo processore, X8 Mobile Computing System, basato sul datato Snapdragon S4 Pro, e con il tempo le conseguenze di quella scelta si sono fatte sentire.

Il secondo motivo è da ricercarsi invece in Lollipop, nel quale erano presenti forse un po’ troppi bug che non ha sicuramente reso più semplice il lavoro all’azienda. Per questo motivo Motorola ha saltato l’update su alcuni dispositivi passando direttamente ad Android 5.1.

La casa alata promette però che in tutto questo l’influenza di Lenovo non ha assolutamente giocato alcun ruolo nello sviluppo degli aggiornamenti e che in futuro tornerà veloce come con Lollipop: Android M è alle porte e noi speriamo proprio che Motorola mantenga la promessa.

Fonte: Computerworld