Monospace (head)

La scrittura su Android si fa immediata e minimale: Monospace (foto)

Leonardo Banchi

Le app Android per la scrittura risultano generalmente troppo semplicistiche, e prive di funzioni importanti, oppure poco adatte all’interfaccia touch e agli schermi piccoli degli smartphone: Monospace, invece, prova a risolvere questi problemi fornendo tutte le opzioni necessarie con un’aspetto minimale e semplice da utilizzare.

Massimo spazio a disposizione

La modalità di scrittura di Monospace, infatti, punta a lasciare il massimo spazio possibile a disposizione del documento: all’interno della schermata non vedrete infatti altro che il testo e la tastiera, a parte un’icona necessaria a commutare fra il tema chiaro e scuro ed il pulsante di condivisione, che spariranno con lo scorrere delle parole.

LEGGI ANCHE: Un editor di testo comodo e con supporto ai linguaggi di programmazione: Turbo Editor

Per formattare il testo, inserendo grassetti, corsivi, elenchi puntati e citazioni non dovrete far altro che selezionare le parole interessate: questo farà comparire una piccola barra in sovrimpressione, attraverso la quale potete anche creare dei titoli per i vari paragrafi.

Anche l’organizzazione dei documenti viene fatta in modo piuttosto originale: invece di usare le cartelle, potrete infatti raggruppare tutti i vostri file attraverso dei tag, che potrete aggiungere semplicemente scrivendoli nell’ultima riga del documento. Penserà poi Monospace a mostrarli all’apertura dell’app, gestendo anche eventuali tag annidati.

Download gratuito

Monospace è un’app estremamente comoda e moderna, che include anche funzioni utili come il collegamento a Dropbox e l’esportazione nel linguaggio Markdown, impostazione particolarmente orientata alla pubblicazione su web. In più, è disponibile gratuitamente sul Play Store, motivo in più per prenderla seriamente in considerazione per la scrittura di tutti i nostri documenti più importanti.

Google Play Badge