Motorola Nexus 6 4

Il vostro smartphone è inutilizzabile per 72 ore dopo un factory reset? Ecco perché

Lorenzo Quiroli -

Vi abbiamo parlato mesi fa di Device Protection: si tratta di una funzionalità aggiunta con Android 5.1 Lollipop ma abilitata solo su alcuni smartphone e tablet, che ha lo scopo di proteggervi dai furti. C’è però un particolare che è passato un po’ sotto silenzio: se cambiate la password del vostro account Google prima di un factory reset, dovrete aspettare 72 ore prima di poter riutilizzare il dispositivo.

LEGGI ANCHE: Cos’è e come funziona Device Protection

Dopo il reset infatti lo smartphone vi chiederà di inserire il vostro account Google ma, come misura di sicurezza, non potrete autenticarvi prima di tre giorni da quando avete modificato le vostre credenziali di accesso. Questo è dovuto al fatto che cambiare la password di un account Google possedendo lo smartphone di un’altra persona può non essere così difficile. Le 72 ore vi consentono di mantenerne il controllo, evitando che il malintenzionato riesca a vanificare Device Protection cambiando la password e riuscendo poi a resettare completamente il dispositivo.

La colpa che possiamo imputare a Google in questo caso è che non vi sarà fornito alcun avviso del fatto che incorrerete in un blocco: o lo sapete prima, il che è il motivo per cui scriviamo questo articolo, oppure lo imparerete a vostre spese. Google potrebbe quantomeno includere un banner che spiega il blocco delle 72 ore prima di un factory reset: in fondo se anche fossimo ladri, lo scopo è comunque quello di prevenire il reset completo. Una volta attivato il blocco, non c’è nulla che possiate fare per accelerare il processo se non aspettare.

Potete disabilitare Device Protection nelle impostazioni sviluppatore (Enable OEM Lock) su alcuni smartphone ma non su tutti. In generale non esiste un modo per sapere se avete questa funzionalità se non ripristinare il dispositivo e vedere se vi chiede la password Google:

device protection reset

Insomma, questo è tutto: vi ricordiamo che non si tratta di una novità, ma di una funzionalità che avevamo già accennato ma che aveva bisogno di qualche chiarimento onde evitare che il problema si presenti anche a voi.

Fonte: AndroidPolice