folding@home

Folding@Home 2.0, l’app Sony per combattere cancro e Alzheimer mentre dormite (video)

Lorenzo Quiroli Aiutare la ricerca scientifica è possibile utilizzando il vostro smartphone, magari mentre state dormendo

Negli ultimi anni il potere computazionale dei nostri smartphone è cresciuto molto velocemente e Sony vuole fornirvi il mezzo necessario per devolvere questa potenza, spesso inutilizzata, per aiutare la ricerca scientifica. Folding@Home è un progetto esistente da anni che oggi subisce un grande aggiornamento alla versione 2.0, con un nuovo design e addirittura gli obiettivi di Play Games per stimolarvi a fare di più!

Ecco le novità riportate nel changelog ufficiale:

  • Nuova interfaccia facile da utilizzare con switch per attivazione/disattivazione in schermata principale e area delle notifiche.
  • Per contribuire in qualsiasi momento, basta collegare il telefono a un caricabatterie wireless.
  • Per sommare i contributi dei dispositivi e ottenere il riconoscimento, effettuare l’accesso con l’ID Google.
  • Informazioni sulla ricerca disponibili tramite Tipo di ricerca.
  • Nota: per apportare i contributi assicurarsi che il Wi-Fi sia attivato.

Il servizio è nato dalla collaborazione tra Sony e l’università di Stanford per analizzare in particolare il ripiegamento delle proteine. Uno smartphone può analizzare con 8 ore di lavoro un nanosecondo del processo, che però dura 300.000 nanosecondi, giusto per darvi un’idea di quanto siano complessi a livello computazionale questi calcoli: a seguire il badge per il download e un video di presentazione dell’app che è ovviamente gratis.

Google Play Badge

Fonte: Sony