force-touch

Il Force Touch su Android con un modulo Xposed (video)

Nicola Ligas

Il suo stesso creatore lo definisce “il force touch dei poveri“, giusto per farvi capire che non parliamo di un’implementazione analoga a quella di Apple, ma comunque è un inizio, o quantomeno un surrogato. L’idea è quella di fornire un qualche feedback in seguito ad una pressione più forte sullo schermo, come mostra anche il video a fine articolo.

LEGGI ANCHE: Come funziona il Force Touch (video)

Tramite un opportuno modulo Xposed, chiamato non a caso System Wide Force Touch, avremo in pratica l’effetto corrispondente ad un clic prolungato con un tap più deciso sullo schermo. L’app fornisce anche una funzione di calibrazione, in modo da distinguere meglio i tocchi regolari da quelli force, ma non pretendete la perfezione assoluta, perché comunque si tratta di un sistema software che cerca di mimare ciò che Apple ha fatto anche con l’hardware.

Se lo voleste comunque provare avrete quindi bisogno del framework Xposed e del modulo relativo, ma occhio a non premere troppo forte sul display.

AppleForce Touchvideo