Kernel Toolkit (1)

Come gestire in modo semplice ed efficiente il kernel del proprio dispositivo: Kernel Toolkit (foto)

Leonardo Banchi -

Gli utenti più “smanettoni”, che magari si sono già addentrati varie volte nel mondo del modding, sapranno sicuramente che il kernel, regolando vari parametri del sistema operativo, può fare una differenza sostanziale nel modo in cui il vostro smartphone reagisce e gestisce varie situazioni. Se volete gestire manualmente questi parametri, senza dovervi addentrare nella scrittura di complesse linee di codice, sarà adesso sufficiente avere i permessi di root, grazie ad un’app gratuita chiamata Kernel Toolkit.

Modificare governor, scheduler e molto altro

Kernel Toolkit è un’app estremamente utile, che fornisce contemporaneamente dettagliate statistiche d’uso e un’ampia possibilità di impostazioni. Osservando le prime, infatti, potrete analizzare il comportamento del vostro smartphone, scoprendo la frequenza media di utilizzo dei core del vostro processore, il loro tempo di inattività, la RAM utilizzata e molto altro, raccogliendo così informazioni sufficienti per modificare i parametri in base al vostro utilizzo, decidendo ad esempio se privilegiare la reattività dello smartphone o il risparmio di energia.

LEGGI ANCHE: Monitorare le attività degli smartphone con processore Qualcomm: Trepn Profiler

Kernel Toolkit vi permetterà di selezionare il governor in uso dalla CPU e dall GPU, di modificare i parametri dello scheduler, di abilitare la ricarica veloce o di personalizzare i criteri di risveglio dello schermo. Acquistando la versione PRO, inoltre, potrete creare vari profili di impostazioni da richiamare secondo le vostre necessità temporanee.

Download gratuito

Kernel Toolkit è disponibile gratuitamente sul Play Store, e potete scaricarlo utilizzando il badge per il download gratuito che trovate a seguire. Se volete usufruire di un parco ancora più ampio di possibilità, però, potete acquistare la versione PRO al prezzo di 3,90€.

Google Play Badge