UN-MINES-CRAIG

Non bastano 5 milioni di dollari per convincere 007 a dire ancora sì a Sony

Nicola Ligas

Spiacente Sony, a Daniel Craig, aka 007, non vai più bene. Dopo che l’attore è stato per anni testimonial più o meno indiretto della casa nipponica nella sua impersonificazione del più famoso agente segreto al mondo, Craig ha detto no a Sony per l’imminente 007 Spectre.

LEGGI ANCHE: Gli accordi tra Sony ed Apple svelati da WikiLeaks

Sul piatto della bilancia ci sarebbero stati 5 milioni di dollari per Daniel e 18 milioni per il marketing, ma quando sei uno strapagato attore di fama mondiale puoi permetterti di dire no anche ad offerte simili. Ed a rincarare ulteriormente la dose per Sony, sembra che il rifiuto sia molto “personale”:

BEYOND the $$ factor, there is, as you may know, a CREATIVE factor whereby Sam (Mendes, il regista – NdR) and Daniel don’t like the Sony phone for the film (the thinking, subjectively/objectively is that James Bond only uses the ‘best,’ and in their minds, the Sony phone is not the ‘best’).

Sony non va più bene per 007 insomma, perché James Bond usa solo il meglio, e Sony non è più considerata tale. Nemmeno per 5 milioni di ottime ragioni. Voi vi sareste fatti convincere del contrario?

Foto: Getty Image

Via: Mashable