Google Foto in Drive

Backup di foto e video in Google Drive: com’è e come funziona (foto e video)

Nicola Ligas -

Google ha annunciato ieri sera che a breve troveremo foto e video salvati con il backup automatico di Google+ Foto anche su Google Drive. Il servizio si diffonderà automaticamente nelle prossime settimane, ed essendo stati così fortunati da poterlo provare subito abbiamo deciso di realizzare un piccolo approfondimento.

LEGGI ANCHE: Gmail ora con inbox unificata (download apk)

Anzitutto sgombriamo il campo da eventuali malintesi in merito al funzionamento del backup automatico, chiarendo quelli che potrebbero essere i dubbi più comuni:

  • Le foto e i video non sono duplicati: quelli che vedremo su Google Drive sono gli stessi che troviamo su Google+ Foto, pertanto lo spazio disponibile totale rimarrà invariato.
  • Eliminando foto e video da Google Drive, li elimineremo anche da Google+ Foto e viceversa
  • Lo spazio di archiviazione di Drive è sempre stato condiviso con Google+ e lo potrete verificare a questo indirizzo
  • Le immagini più piccole di 2.048 pixel non vengono conteggiate nel totale dei megabyte disponibili, quindi potreste in teoria salvarne un numero infinito.  Lo stesso discorso si applica ai video di durata inferiore ai 15 minuti e con risoluzione non superiore ai 1080p.
  • In Google Drive potremo organizzare foto e video in cartelle come preferiamo, ma questo non si rifletterà sul modo in cui sono visualizzate in in Google+ (e viceversa).
  • Modificando una foto in Google+, le modifiche verranno visualizzate solo nella foto in Google+, mentre nella cartella di Drive rimarrà l’originale.
  • Il backup automatico di foto e video si attiva come sempre, dalle impostazioni delle app di Google+ o di Foto, su Android e su iOS.
  • Inizialmente su Google Drive vedrete solo le foto e i video più recenti, ma nel giro di poche settimane compariranno tutti, anche quelli più vecchi.

Questo è più o meno quello che potreste voler sapere sul funzionamento generale del servizio, che trovate illustrato anche nella pagina di supporto di Google.

Nel video qui sotto illustriamo invece come funziona l’app per Android e quali opzioni abbiamo a disposizione. Non preoccupatevi se non doveste già avere questa funzionalità: non dovrete aggiornare l’app, dovrete solo aspettare.

video