WAZE

Waze potrà essere preinstallata sul vostro prossimo smartphone

Lorenzo Quiroli

Non stupitevi se in futuro troverete Waze preinstallata sul vostro prossimo dispositivo Android: attraverso un comunicato stampa, che potete leggere alla fine dell’articolo, Waze ha annunciato di essere ufficialmente un Google Mobile Service. Immaginiamo che questa faccia parte della cerchia di app opzionali (quelle obbligatorie sono Play Services, Gmail, YouTube, Maps etc).

LEGGI ANCHE: Google acquisisce Waze

In ogni caso questo rappresenta un forte segnale che indica la volontà di Google di non chiudere Waze integrandolo semplicemente in Maps, ma di mantenerlo vivo favorendone anzi la diffusione. In fondo questo rappresenterà un vantaggio anche per il principale servizio di mappe di Google, dato che le segnalazione di Waze sono state integrate.

Waze diventa un Google Mobile Service e potrà essere preinstallato sui device mobili

• OEM e gestori di telefonia potranno preinstallare l’applicazione sui propri prodotti

• Gli utenti potranno accedere a informazioni in tempo reale sul traffico, sulla chiusura delle strade, e sulle condizioni di viabilità attraverso Waze sui device appena acquistati

MADRID- Waze, l’app di navigazione social diventa un Google Mobile Service (GMS) con un’opzione di preinstallazione sui device mobili. Questo vuol dire che gli OEM e i gestori di telefonia potranno preinstallare l’applicazione sui propri dispositivi in modo da permettere agli utenti di utilizzare Waze direttamente sui device appena acquistati.

Julie Mossler, portavoce di Waze, spiega che “la trasformazione di Waze in un Google Mobile Service è il prossimo passo per diventare una piattaforma che mette in contatto community di cittadini con lo scopo di promuovere la sicurezza sulle strade. Gli OEM e i gestori telefonici hanno ora la possibilità di aiutare i mercati locali a diventare città connesse”.

Il Waze Connected Citizens program, lanciato nel 2013, connette più di 20 città, forze dell’ordine, e dipartimenti di trasporto con i propri cittadini attraverso la condivisione bi-direzionale e a costo zero di informazioni pubbliche. La possibilità per i consumatori di accedere più facilmente a Waze – senza visitare l’App Store – implica una probabile espansione delle informazioni offerte a questo programma e una maggiore cognizione di ciò che sta sta accadendo sulle strade partner in tempo reale.

“Se un OEM o un gestore di telefonia preinstalla Waze sui propri device, una parte significativa della popolazione potrebbe immediatamente avere accesso alle informazioni su strade bloccate, incroci trafficati e pericolosi sempre più in tempo reale” aggiunge Julie Mossler. “Abbiamo difronte un’enorme opportunità per migliorare l’efficienza delle città e la connettività tra i cittadini e non vediamo l’ora di far crescere questa comunità”.