Ingress - Firenze

Intervista Ingress: dagli incontri dal vivo all’app per Android Wear

Emanuele Cisotti

Poco più di una settimana fa, un giorno prima dell’Ingress #SHONIN Firenze, abbiamo avuto modo di intervistare Anne Beuttenmüller, product marketing manager di Niantic Labs.

Una rapida premessa: cosa sono i Niantic Labs e perché sono famosi? Presso questi laboratori è stata sviluppata probabilmente la migliora app per Google Glass, ovvero Field Trip (nata come app per Android e iOS), ma il loro prodotto più famoso e riuscito è sicuramente Ingress, gioco in realtà aumentata, che ha rapidamente coinvolto l’intero mondo e che adesso organizza eventi in giro per il mondo da migliaia di partecipanti, che si riuniscono per giocare insieme e non solo.

Abbiamo quindi voluto fare un po’ di domande ad Anne, su Niantic Labs, su Ingress e sui progetti futuri.

Niantic Labs è una startup interna a Google. Ma cosa significa questo? Anne ci spiega che l’essere una startup legata a Google, ma non facente parte del suo schema aziendale, permette a loro di essere molto più rapidi nel prendere deceisioni e, allo stesso tempo di essere molto più liberi nelle loro scelte, dovendo però comunque sempre passare dall’approvazione di mamma Google.

Ma parliamo di Ingress: Anne non ci ha potuto svelare se è in arrivo una terza fazione. L’idea che mi sono fatto è che Niantic abbia in caldo questa opzione per un momento di eventuale stallo futuro, ma che non sia un’opzione che vedremo realizzata a breve. Sicuramente più a breve invece saranno l’introduzione di nuove medaglie e funzionalità. Presto sarà possibile visualizzare le missioni vicino a noi direttamente dallo scanner.

Sempre parlando del futuro dell’applicazione abbiamo voluto indagare sul come Niantic Labs possa sostenersi visto che il gioco è interamente gratuito. La risposta è stata che in molte parti del mondo sono già state implementate collaborazioni sponsorizzate con aziende. Qualche esempio:

  • Redeem code all’interno di bottiglie d’acqua
  • Eventi e sconti personalizzati per utenti Ingress
  • Oggetti super rare in collaborazione con brand. Fra questi viene segnalata l’assicurazione AXA.
  • Portali posizionati in negozi (test in Giappone)

Queste soluzioni abbastanza discrete permetteranno al gioco di rimanere gratuito e anche privo di acquisti in-app. Un’altra novità in arrivo a breve è anche l’applicazione per Android Wear per Ingress (nota: in realtà è già arrivata, ma al momento dell’intervista non lo era). Sicuramente uno dei motivi migliori per molti dei giocatori per acquistare uno smartwatch.

Dal punto di vista della sicurezza ci è stato confermato quanto già detto in passato: tutti i dati raccolti in Ingress sono utili solo per migliorare il gioco stesso e non vengono in alcun modo utilizzati per altre applicazioni Google. Se poi siete preoccupati da bot e utenti che utilizzano app come fake gps, sappiate che Niantic è sempre al lavoro con un team che analizza ogni segnalazione perventuagli. Non ci sono state (ovviamente) svelate le tecniche utilizzate per combattere questi fenomeni.