Doom Gles D-GLES

Doom torna sul Play Store grazie a D-GLES: grafica 3D, ombre e luci dinamiche e tanti altri effetti aggiuntivi (foto e video)

Lorenzo Delli

Nel marzo del 2012 sbarcò sul Play Store Doom GLES, un porting piuttosto valido del celebre sparatutto di John Carmack comprensivo del primo capitolo, del secondo e di Ultimate Doom. Peccato che a un certo punto tale porting, realizzato da Kokak, sia stato rimosso dallo store di Google a seguito di problemi di trademark. Sta di fatto che lo stesso sviluppatore ha riportato Doom, o almeno qualcosa del genere, sullo store virtuale dedicato ai dispositivi Android: stiamo parlando di D-GLES, una nuova versione di cui vi parleremo a breve.

LEGGI ANCHE: N.O.V.A. 3 diventa gratuito e senza acquisti in-app grazie alla Freedom Edition

D-GLES è un porting non ufficiale del Doom Engine con accelerazione hardware 3D che usa le librerie OpenGLES (o meglio, le OpenGL ES). In sostanza lo sviluppatore ha fatto sì che acquistando D-GLES ci si trovi di fronte non il classico Doom, ma una serie di livelli inediti caratterizzati da un motore grafico completamente rinnovato rispetto all’originale. Delusi? In realtà se avete a disposizione le copie autentiche di Doom, Doom 2 e Ultimate Doom potete importare i file originali all’interno della cartella di D-GLES e giocarci in mobilità.

Potrete sfruttare tutte le novità grafiche della versione proposta da Kokak (alta risoluzione, luci e ombre dinamiche, effetti particellari, oggetti e mostri in 3D, proiezione del sangue, effetti dell’acqua realistici e molto altro) o godervi il vecchio aspetto grafico. Inoltre D-GLES supporta controller, tastiere (USB/Bluetooth) e anche il button mapping. Questo nuovo porting di Doom verrà a costarvi sul Play Store solo 1,79€. Gli utenti interessati però potranno anche usufruire della Tech Demo gratuita che troverete linkata a breve. A seguire anche un filmato che ci mostra le potenzialità di D-GLES e alcuni screenshot.

D-GLES Tech Demo - Gratis

Google Play Badge

D-GLES - 1,79€

Google Play Badge

Fonte: AndroidPolice
video