China's Xiaomi Breaks Into Tablet Market

Xiaomi compra il 3% dell’azienda del suo CEO

Nicola Ligas

Xiaomi è diventata il terzo produttore di smartphone al mondo nel 2014 (quarto, se consideriamo Motorola + Lenovo), ma l’azienda ha già dimostrato di avere interessi che vanno al di là della telefonia mobile, ed il suo ultimo investimento in un certo senso lo conferma ulteriormente. Xiaomi ha infatti annunciato di aver investito circa 68 milioni di dollari comprando il 2,98% delle azioni di Kingsoft. Quest’ultima è un’azienda, stimata in 2 miliardi di dollari, che ha iniziato sviluppando giochi per PC, ma che oggi produce prodotti di sicurezza, di intrattenimento e per aziende. Sarà un caso che il CEO e co-fondatore di Xiaomi, Lei Jun, sia anche fondatore e presidente di Kingsoft?

LEGGI ANCHEXiaomi lancerà uno smartphone a 70 euro a febbraio

La domanda sembra quantomai retorica, tanto più che Lei Jun possiede personalmente il 15% di Kingsoft, ma l’investimento di Xiaomi non va visto solo nell’ottica personale del suo CEO, ma come segno che in futuro l’azienda potrebbe concentrarsi maggiormente su servizi e altri prodotti, sia software che hardware. Hugo Barra ha tra l’altro confermato il particolare interesse di Xiaomi per ulteriori investimenti ed acquisizioni in India, con particolare attenzione alle startup che offrono servizi per il segmento mobile e relativi all’e-commerce.

Xiaomi punta insomma molto in alto, tanto che il suo astro, già piuttosto brillante, deve probabilmente ancora mostrare tutta la sua luce.

Foto: Getty Image

Via: Tech Crunch
hugo barra