patch jelly bean

Google non aggiornerà più la WebView su versioni pre-KitKat: a rischio il 60% degli utenti

Nicola Ligas

Secondo un’indagine di alcuni ricercatori indipendenti, Google avrebbe deciso già da qualche tempo di non rilasciare più aggiornamenti di sicurezza per WebView su versioni di Android precedenti a KitKat, lasciando gli utenti di Jelly Bean, e precedenti, completamente esposti a possibili vulnerabilità. In base agli ultimi dati sulla distribuzione di Android, si tratta ben del 60% di tutti gli utenti del robottino, una percentuale che di certo non può essere trascurata con tanta leggerezza.

LEGGI ANCHE: La WebView si aggiorna via Play Store su Lollipop

La decisione è stata presa, probabilmente, in concomitanza all’arrivo di WebView sul Play Store, dato che da Lollipop in poi questo prezioso componente, che sostanzialmente serve a renderizzare pagine web in tutte quelle app che non abbiano un proprio browser interno, si aggiornerà tramite lo store ufficiale.

Stando ad una risposta in merito ad un problema di sicurezza relativo al browser AOSP, che usa WebView, un responsabile di Google avrebbe affermato che se la versione di WebView è precedente ad Android 4.4 generalmente le patch non vengono sviluppate da Google stesso, ma possono essere distribuite se a crearle sono sviluppatori di terze parti. Tutto ciò che farà Google al massimo sarà segnalarlo al produttore responsabile.

Insomma: se ci pensano volenterosi sviluppatori autonomi o se ci pensa il produttore del vostro smartphone, allora potreste vedere qualche patch, altrimenti non aspettatevela da Google. Comportamento non molto corretto, anche perché scoperto per caso e non in seguito ad annunci ufficiali, tanto che Google al momento ha declinato ogni commento in materia.

Via: Forbes