SnoopSnitch head

Quanto sono sicure le nostre reti telefoniche? Ve lo dice SnoopSnitch (foto)

Leonardo Banchi

Avere sempre con noi il nostro smartphone è una comodità innegabile: ci permette di essere sempre raggiungibili, di lavorare in mobilità e di sfruttare tutti i momenti della nostra giornata per operazioni che, altrimenti, necessiterebbero di un tempo dedicato, sottraendolo probabilmente a quello che ci rimane per dedicarci ai nostri interessi. Tuttavia, questa “connessione continua” ci espone a svariati rischi per la nostra sicurezza, poiché intercettare il nostro smartphone equivale ad intercettare ogni settore della nostra vita quotidiana.

Come difendersi?

Come fare, dunque, ad evitare attacchi che compromettano la nostra privacy, senza rinunciare a tutte le possibilità che ci vengono offerte dall’utilizzo di uno smartphone? A pensarci, fortunatamente, c’è SnoopSnitch, un’applicazione gratuita in grado di mettere alla prova le reti alle quali il nostro smartphone si collega, identificando i possibili rischi e stilando anche una classifica delle aree geografiche più sicure, e degli operatori che presentano meno falle di sicurezza.

Test ed utilizzo di SnoopSnitch

Al primo avvio, SnoopSnitch vi proporrà di effettuare un’analisi della rete alla quale siete collegati: il test comporta varie operazioni, completamente automatiche, fra cui figurano chiamate a numeri esteri (in ingresso ed uscita) e l’invio e ricezione di alcuni SMS. Nella maggior parte dei casi, nessuna di queste operazioni comporterà un costo, poiché non dovrete rispondere alle chiamate ricevute, e i numeri a cui effettuerete la telefonata e invierete gli SMS risulteranno sempre non raggiungibili o non validi. Gli sviluppatori consigliano comunque, prima di avviare tali operazioni, di controllare il proprio piano tariffario, poiché alcuni operatori potrebbero addebitare una spesa per alcune di esse.

LEGGI ANCHE: BOSS Phone è uno grosso phablet certificato TOR che mette la sicurezza al primo posto

Effettuando tale test, SnoopSnitch controllerà quindi la vostra connessione, verificando la risposta ad eventuali attacchi di tipo IMSI-Catcher (nei quali alcune “finte antenne” si interpongono fra voi e il vostro operatore) ed assegnando un punteggio in classifica paragonandolo a quello ottenuto da altri operatori. Da quel momento, in più, l’applicazione controllerà continuamente i vostri collegamenti, allertandovi qualora venisse rilevato un qualche tipo di attacco.

Attraverso SnoopSnitch potrete poi consultare una mappa, accessibile anche attraverso il sito GSMmap.org, nel quale vedrete tutti i paesi nei quali le reti cellulari sono risultate più o meno sicure, e contribuire al suo aggiornamento con i risultati dei vostri test.

Compatibilità e download

SnoopSnitch è disponibile del tutto gratuitamente sul Play Store, ma il suo funzionamento non è garantito su tutti i dispositivi: è infatti necessario avere uno smartphone con processore Qualcomm, aggiornato ad almeno Android 4.1 e dotato dei permessi di root. Consultate quindi la pagina wiki del progetto per conoscere tutti i requisiti necessari, prima di utilizzare il badge per il download gratuito che trovate a seguire.

Google Play Badge