xiaomi-notebook-pc-leak

Trapelato il portatile Xiaomi: processore Intel e 16 GB di RAM a meno di 400€? (foto)

Giuseppe Tripodi -

In poco tempo Xiaomi è diventata una delle più importanti aziende del mercato cinese, grazie alla produzione di smartphone e tablet dall’ottimo rapporto qualità prezzo, ma non solo. Dagli wearable con l’ottima Mi Band ai purificatori d’aria, la società si sta espandendo tra i più diversi settori e potrebbe presto lanciare addirittura un’automobile.

LEGGI ANCHE: Mistla, la prima automobile di Xiaomi?

Già da tempo si vociferava a proposito di un possibile computer portatile prodotto da Xiaomi, ma fino ad oggi non si sapeva nulla in proposito. Il render presente nell’immagine in anteprima circola da parecchio in rete, ma adesso è accompagnato da altri due scatti e dalle possibili specifiche tecniche.

Senza girarci troppo intorno, se l’aspetto estetico dell’ultrabook fosse effettivamente quello, sarebbe innegabile la somiglianza con il Macbook Air: le differenze principali sarebbero il logo Mi sulla parte frontale e sul retro e un tasto arancione che potrebbe essere personalizzabile dall’utente.

La cosa si fa decisamente più interessante passando alle presunte caratteristiche tecniche, secondo le quali questo laptop monterebbe un processore Intel Haswell i7-4500u con due banchi di memoria RAM dual channel da 8GB. Secondo quanto riportato, lo schermo sarebbe da 15″ con risoluzione full HD e il sistema operativo dovrebbe essere una distribuzione Linux personalizzata da Xiaomi. Come da tradizione, anche in questo caso parliamo di un incredibile rapporto tra specifiche e costo, poiché il prezzo di questo portatile sarebbe di soli 2999 Yuan, ossia meno di 400€.

Attualmente non ci sono dichiarazioni da parte di Xiaomi che non ha ancora presentato ufficialmente nulla, ma se le specifiche venissero confermate potremmo trovarci davanti all’ennesimo successo della poliedrica azienda cinese. Nella breve galleria di seguito altri due dettagli di questo possibile laptop (logo e webcam), nella speranza che un annuncio ufficiale allontani l’ipotesi di fake.

Via: Gizmochina