android tablet smartphone thinkstock final

App, ebook e gli album digitali potrebbero costare di più dal primo gennaio

Lorenzo Quiroli

L’anno prossimo potreste pagare di più per musica, app ed ebook online: se per questi ultimi si dovrebbe fare un discorso a parte, vista la Legge  di Stabilità approvata di recente che abbassa l’IVA sui libri digitali al 4%, il vero problema consisterebbe nei primi due.

Secondo la normativa dell’Unione Europea Directive 2008/08/EC i contenuti digitali dovranno essere tassati applicando l’IVA in vigore nel paese in cui sono venduti. Amazon ad esempio ha la propria sede nel Lussenburgo in Europa e paga quindi solamente il 3% di tasse sulla vendita di un ebook in tutta Europa.

Secondo gli addetti ai lavori, ciò porterebbe una maggiore concorrenza nel settore, dato che le piccole azienda che non possono spostare la propria sede potranno competere con le stesse regole, ma c’è chi sospetta che i costi aggiuntivi andranno a ricadere sugli utenti.

LEGGI ANCHE: Amazon regala 175 euro di app

Sulle app del Play Store però, ci potrebbe essere un calo: la sede di Google infatti è in Irlanda, paese con IVA al 23%, un punto in più rispetto a quella italiana, dunque potrebbero addirittura scendere i prezzi. Lo stesso non si potrà dire invece per gli App Store di Apple, Amazon o Microsoft, i cui prezzi probabilmente aumenteranno.

Insomma, aspettiamo il prossimo anno per vedere se effettivamente ci sarà un cambiamento, sperando che esso non venga assorbito dalle tasche dei consumatori.

Fonte: The Verge