Samsung logo final

L’antitrust multa Samsung per pratica commerciale scorretta

Lorenzo Quiroli

Samsung è stata multata con la cifra di un milione di euro dall’Antitrust italiano per pratica commerciale scorretta: alla base dell’accusa c’è la quantità di memoria interna disponibile su molti dei suoi smartphone.

LEGGI ANCHE: L’antitrust multa TripAdvisor

Ecco alcuni dei dispositivi incriminati:

samsung memoria interna

Secondo quanto riportato, Samsung avrebbe dovuto specificare che in alcuni casi la memoria interna effettiva è significativamente inferiore a quella riportata (anche il 78% in meno). D’altra parte sappiamo che la Touchwiz occupa molto spazio, ma Samsung avrebbe dovuto precisarlo. Ecco le parole dell’autorità:

Un milione di multa a Samsung Italia, per pratica commerciale scorretta. L’ha irrogata l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, censurando le modalità con cui fino all’anno in corso è stata presentata al pubblico una delle principali caratteristiche di smartphone e tablet: in particolare, si tratta delle informazioni fornite in merito alla memoria “ROM” degli smartphone e dei tablet, in quanto la capacità in effetti disponibile per i consumatori risultava significativamente inferiore a quella indicata dall’impresa.

L’Antitrust ha giudicato questa pratica, ai sensi del Codice del Consumo, “contraria alla diligenza professionale e idonea, mediante la diffusione di informazioni fuorvianti e l’omissione di informazioni rilevanti, a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico del consumatore medio”. La stessa Autorità ne ha vietato perciò la diffusione o continuazione, stabilendo che Samsung Italia comunichi entro 60 giorni le iniziative assunte per ottemperare alla diffida.

Detto ciò, la memoria interna è inferiore a quella riportata su tutti gli smartphone e su alcuni ce n’è anche meno (su un iPhone 6 da 16 GB si hanno circa 7 GB liberi all’avvio); d’altro canto, se ciò può portare i produttori di telefoni e di altri dispositivi a riportare sia la memoria complessiva che quella effettiva, allora ben venga.

Fonte: Tecnophone