7.0

World of Warriors Copertina

World of Warriors, la recensione del gioco di ruolo di Mind Candy

Giorgio Palmieri

Barbari, vichinghi, cavalieri, samurai e tanti altri guerrieri si uniscono per una guerra all’ultimo sangue in World of Warriors che, se sulla carta sembra un picchiaduro quantomeno atipico, di fatto è un tentativo ambizioso di riproporre su mobile una formula a-la-Pokémon, il che potrebbe incuriosire più di un videogiocatore navigato. Il contesto RPG in cui avviene questo piccolo titolo di Mind Candy è molto immediato, dove si susseguono brevi battaglie a turni di livello in livello.

LEGGI ANCHE: Un lungo video gameplay ci mostra le meccaniche di Moonrise

I combattimenti uno contro uno si basano su quick-time-event, dove ogni azione va effettuata con il giusto tempismo. Cuore pulsante degli scontri sono le debolezze e forze degli elementi, proprio come le creature di Nintendo e Game Freak. Ogni eroe possiede un elemento tra i quattro disponibili nel gioco (fuoco, acqua, aria e terra), funzionanti come un classico carta-forbice-sasso, e un potere determinato da quello specifico elemento. Non aspettatevi però il bilanciamento di Pokémon, anche perché non è a quello che punta World of Warriors.

World of Warriors (4)

Piuttosto, croce e delizia di questo titolo è senza dubbio la parte “collezionabile”: siamo dinanzi ad una vera e propria enciclopedia di guerrieri, che conta numerose ere e rispettive truppe dell’epoca, chiaramente riproposte con uno stile accattivante e super-deformed.

croce e delizia di questo titolo è senza dubbio la parte “collezionabile”

Se da una parte questa componente risulta la sua maggiore forza, nonché punto focale della formula, dall’altra mostra il fianco ad un modello free-to-play che mal si sposa con la struttura ludica. Nel gioco infatti si guadagnano gemme blu (valuta base) e rosse (valuta rara e premium) utili ad aprire forzieri.

Questi posso contenere eroi e oggetti del tutto casuali, quindi non si sa mai cosa si sta per ottenere, anche se si spendono soldi reali. L’acquisizione dei guerrieri è, di conseguenza, decisamente lenta, in quanto l’algoritmo studiato preferirà darvi come ricompense dei forzieri alcune pergamene ed oggettini vari, e ciò smorza un divertimento che dovrebbe basarsi soprattutto sull’aspetto degli eroi collezionabili.

World of Warriors (1)

Chiaramente il proprio team può essere potenziato, quindi si può comunque procedere nell’avventura con il gruppetto di cavalieri iniziale, ma è un vero peccato essere limitati nel cambio dei personaggi di battaglia in battaglia a causa del modello di monetizzazione scelto. Inoltre, è presente il canonico sistema ad energia che permette solo una manciata di partite prima che si scarichi. Nonostante i limiti, di sicuro i più pazienti si divertiranno lo stesso, supportati anche da uno stile grafico semplice e dai colori vivaci, ma c’è comunque da fare i conti con una varietà dell’esperienza piuttosto risicata.

7.0

Giudizio Finale

World of Warriors è un gioco di ruolo a turni dall’anima singolare, che combina gli elementi dei titoli dei Pokémon con un sistema a quick-time-event che ci ha convinti. Purtroppo la formula non risulta pienamente compatibile con il modello free-to-play scelto dagli sviluppatori che, seppur permetta la fruizione senza spendere soldi, ne circoscrive profondamente il divertimento. Rimane, nonostante tutto, un titolo da provare.

PRO

CONTRO

  • Stile grafico accattivante
  • La formula di gameplay è ben collaudata
  • Tanti spassosi eroi ben animati 
  • Il modello free-to-play limita le possibilità di gameplay
  • Manca di varietà

Google Play Badge

Recensionevideo