US-IT-TAKEOVER-FACEBOOK-WHATAPP

WhatsApp adotta la crittografia end-to-end su Android prima che su iOS

Nicola Ligas

Nell’ultimo aggiornamento di WhatsApp per Android era contenuta una sorpresa difficile da notare semplicemente usando l’app: crittografia end-to-end abilitata di default; il che significa che nessuno, nemmeno WhatsApp stesso, è in grado di decrittare il contenuto dei nostri messaggi, ma solo il destinatario degli stessi potrà farlo.

LEGGI ANCHE: Chiamate vocali su WhatsApp nel 2015

WhatsApp ha realizzato un simile traguardo grazie alla collaborazione con Open Whisper Systems, autore, tra gli altri, di TextSecure, un’app di messaggistica che fa della crittografia il suo punto cardine, dato che è in grado di mantenere i messaggi criptati anche se un attaccante riuscisse a violarne la chiave in futuro (forward secrecy).

WhatsApp non è certo la prima app di questo tipo ad introdurre un simile tipo di crittografia end-to-end, che è stata ad esempio uno dei cavalli di battaglia di Telegram fin dall’inizio, ma portare una simile funzione sul bacino d’utenza di WhatsApp è un altro paio di maniche ed un passo importante per consolidare la posizione di primato dell’app ora di Facebook. Se per qualche motivo non l’aveste ancora aggiornata, assicuratevi di prelevare l’ultima versione dal Play Store tramite il badge sottostante.

Google Play Badge

Foto: Getty Image

Fonte: The Verge