That Dragon Cancer Ouya Steam

That Dragon, Cancer si mostra in un trailer per Kickstarter che vi riscalderà il cuore (video)

Giorgio Palmieri

Una lettera d’amore di uno sviluppatore di videogiochi per suo figlio; un’avventura che ispira noi stessi ad amarci; una voce per quelli che stanno combattendo il cancro. That Dragon, Cancer non è il solito videogioco. Non c’è nessun punteggio, e non si va in giro con enormi bazooka in mano a distruggere tumori. Ce lo assicurano Ryan e Amy Green, sviluppatori e genitori del bambino protagonista del gioco, Joel, purtroppo scomparso a causa di questa subdola malattia.

APPROFONDISCI: Thank You For Playing: il documentario dello sviluppo di That Dragon, Cancer

Le novità sul progetto fioccano nella giornata di oggi: oltre ad essere stata aperta una campagna di raccolta fondi su Kickstarter, è stato rilasciato un trailer che mostra più da vicino il gioco, e che conferma l’arrivo del gioco anche su PC e Mac, oltre che su Ouya. La data di uscita è stata però rinviata per ottobre 2015.

Sebbene l’esperienza possa forse risultare molto pesante per le persone più sensibili, il team assicura che la storia non verterà sul cancro (il quale non farà mai la sua presenza in gioco) e su momenti unicamente drammatici, atti appunto a descrivere la loro situazione nel modo più fedele possibile alla realtà.

Il desiderio dei genitori è quello di creare un’avventura poetica, piena di immaginazione e speranza, che sappia allo stesso modo onorare Joel e fungere da ispirazione per i suoi giocatori. Grande cura è stata riposta nel comparto audio, il quale sfoggia un doppiaggio ripreso proprio dai genitori, e una colonna sonora che promette di essere densa di emozioni.

A nostro avviso, That Dragon, Cancer è uno dei progetti videoludici più interessanti degli ultimi anni: non auspica un’alta vetta nelle classifiche, e non vuole assolutamente essere pretenzioso. Questo lavoro di due genitori coraggiosi vuole contribuire, con un potente urlo che fa tremare i “vetri” del cuore, a far evolvere il mezzo del videogioco. Non vediamo l’ora di metterci le mani sopra.

video