next lock screen head

Next Lock Screen, il blocco schermo intelligente a firma Microsoft (foto e video)

Leonardo Banchi -

Sbloccare lo schermo, accedere al drawer, lanciare l’applicazione giusta e, se siamo sfortunati, anche la schermata adatta a ciò che dobbiamo fare: questi sono i passi che ci separano, a schermo spento, dalla possibilità di fare qualcosa di specifico con il nostro smartphone. Decisamente troppi, se abbiamo fretta di fare qualcosa di importante: per fortuna a proporci un’alternativa ci pensa, a sorpresa, Microsoft, con il rilascio di Next Lock Screen.

LEGGI ANCHE: Un lockscreen dalla grafica elegante e ricco di funzioni grazie a Snaplock

Next Lock Screen, infatti, è un’applicazione che punta a sostituire il vostro blocco schermo originale, offrendovi la possibilità di avere sempre a portata di mano tutte le funzioni più utili sul momento, sia che vi troviate a casa, al lavoro o a giro.

Ciò che troverete sbloccando la schermata, infatti, sarà un “riassunto” dei vostri impegni, contatti e possibilità, adattati a seconda di dove vi trovate. Subito sotto all’orologio, infatti, saranno disponibili i prossimi eventi del calendario, assieme alle notifiche di messaggi e chiamate ricevute. Con un tap, in questo modo, potrete accedere alle applicazioni che le hanno generate in modo estremamente veloce.

Più in basso, invece, troverete una barra contenente le applicazioni più utilizzate, con la possibilità di personalizzarne l’elenco a seconda del luogo in cui vi trovate. In questo modo potrete, ad esempio, avere pronte all’uso le applicazioni di produttività quando vi trovate al lavoro, il lettore musicale o altre app di intrattenimento mentre siete in viaggio, e telefono, impostazioni e messaggistica quando arrivate a casa. Espandendo la barra con uno swipe verso l’alto, inoltre, potrete ampliare l’elenco delle applicazioni disponibili, magari inserendo scorciatoie a utilità come la torcia o le impostazioni Wi-Fi.

Next Lock Screen si pone quindi come un valido sostituto per il blocco schermo originale, ma soffre ancora di un po’ di “giovinezza”, a causa del mancato supporto a molte applicazioni di terze parti che, si spera, arriveranno in fretta. Se volete provarlo subito, però, a seguire trovate il badge per il download gratuito, assieme a un video di presentazione e una galleria di immagini.

Google Play Badge