TAIWAN-TELECOM-HTC-COMPANY-EARNINGS

Il 2015 si prospetta grigio per HTC, le cui vendite continuano a calare

Lorenzo Quiroli

Pensavate che HTC fosse ormai uscita dal periodo di crisi che l’ha accompagnata negli ultimi mesi? Vi sbagliavate, dato che sebbene l’azienda di Taiwan sia riuscita a ritornare in positivo durante l’ultimo anno, come vi avevamo anticipato ciò è stato causato da un taglio del personale e della spesa mirato, non da un aumento significativo delle vendite.

LEGGI ANCHE: HTC in positivo nel Q3 2014, ma non è tutto oro ciò che luccica

Secondo alcune analisi di mercato, la causa delle vendite scarse è da ricercarsi in smartphone di fascia economica che non riescono a sfondare nei mercati chiave come Cina e India, mentre Apple e Samsung sembrano rimanere padroni di quella alta. Sappiamo che HTC produrrà nuovi tablet e anche uno smartwatch dovrebbe essere annunciato nel 2015, sebbene essi potrebbero non essere abbastanza.

Lo spiraglio di luce è la serie Desire che in Cina ha avuto buoni risultati, ma HTC dovrà fare molto più di così per risollevare un market-share nel settore smartphone che si aggira intorno al 2% e che il prossimo anno dovrebbe scendere ulteriormente a circa l’1,5%; insomma, è forse arrivato il momento di rischiare qualcosa in più per l’azienda di Taiwan o altrimenti presto potrebbe avere ben poco da rischiare.

Fonte: Forbes