Italia_chiama_Android_26ott

Italia Chiama Android: Particle Beat, Park and Go, Emergency Browser

Nicola Ligas

Nuove proposte da parte degli sviluppatori italiani vi attendono in questa nuova edizione di Italia Chiama Android, la rubrica settimanale in cui dedichiamo spazio alle segnalazioni degli sviluppatori italiani in erba, che non mancano mani di proporci nuovi contenuti. Se volete anche voi partecipare, potete leggere il semplice regolamento necessario a candidare la vostra, o le vostre, applicazioni.

Particle Beat

Particle Beat è un gioco a base di musica, la nostra musica. Possiamo infatti scegliere singoli file MP3 o anche intere playlist o semplici cartelle, e saranno queste a farci da colonna sonora durante il gioco; non si tratta però di un semplice sottofondo, dato che il gameplay è fortemente incentrato sulla musica. Ci sono infatti due modalità di gioco: in una (modalità noise) dovremo essere noi a scappare dai “beat” generati dalla nostra musica e distruggerli, colpendoli, prima che siano loro ad arrivare a noi; nella modalità entropy invece il gioco è ribaltato, e saremo noi gli inseguitori. I controlli avvengono tramite un semplice pad virtuale presente a schermo, e dovrete farci un minimo l’abitudine, perché tra luci stroboscopiche, musica in continuo mutamento (dipende da voi) e tanti elementi a video, non sarà facile stargli dietro. Tempi di caricamento e performance sono molto variabili a seconda del dispositivo, dato che l’elaborazione dell’audio avviene in tempo reale prima dell’avvio del livello.

  • Prezzo: Gratis
  • Pro: Originale e piacevole
  • Contro: A volte un po’ frustrante e con rari impuntamenti

Google Play Badge

Park and Go

Alzate la mano se avete mai usato la funzione di memoria del parcheggio di Google Now! Funzionare funziona, però lo fa un po’ quando pare a lei, e ovviamente, in base alla legge di Murphy, ma quando ci serve. Meglio allora affidarsi ad un’app come Park and Go, che ci permette di memorizzare facilmente il punto in cui abbiamo lasciato auto, motorino o altro mezzo, e ci ricondurrà poi a lei/lui/loro nel momento del bisogno. Sarà meno avveniristico e pratico, ma è senz’altro più funzionale e affidabile. Ci sono però un paio di difetti: anzitutto possiamo impostare una sola posizione e deve essere per forza quella corrente, il che significa che va impostata appena scesi dal veicolo o non servirà più a nulla; inoltre non potremo correggerla qualora il programma non l’avesse individuata correttamente.

  • Prezzo: Gratis
  • Pro: Idea semplice, ma utile
  • Contro: Solo una posizione, non correggibile, può essere memorizzata

Google Play Badge

Emergency Browser

Come dice chiaramente il nome, Emergency Browser non va intenso per accompagnarci nella vita di tutti i giorni, ma solo nei casi di “emergenza”. Quali? Quando siamo in 2G, per dirla in termini brevi. Questo Browser elimina infatti ogni tipo di contenuto che non sia testuale, e ci permette una navigazione decente anche in condizioni di scarsa banda. Chiamatela modalità lettura, se volete: una funzione che non tutti i browser implementano, e se non voleste abbandonare il vostro preferito nell’uso quotidiano, in questo modo avrete un supporto per questi casi, appunto, di “emergenza”. La grafica sarebbe in ogni caso migliorabile, e la barra degli indirizzi in particolare è troppo piccola.

  • Prezzo: Gratis e 79 centesimi
  • Pro: Utile in assenza di 3/4G
  • Contro: Implementata nativamente in alcuni browser

Google Play Badge