iHealth 01 2 copy

iHealth Wireless Activity and Sleep Tracker, la nostra prova (foto)

Emanuele Cisotti

Parliamo oggi di un nuovo tracker per il fitness: iHealth Wireless Activity and Sleep Tracker, che tradotto in italiano suona come “strumento di monitoraggio del sonno e attività fisica senza fili”. È un prodotto realizzato da un’azienda che già da anni produce dispositivi per il benessere fisico per dispositivi mobili (basti pensare a dispositivi come lo sfigmomanometro che già recensimmo).

Questo bracciale permette, come fa intuire il nome, di tracciare la propria attività fisica giornaliera e lo stato del proprio sonno. All’interno della confezione troviamo un piccolo manuale, una fascia da braccio (pensata principalmente per dormire), due accessori (blu e neri) per trasformarlo in orologio e due accessori per permettere invece di agganciarlo ai pantaloni. Quest’ultima peculiarità è quella che ci ha fatto apprezzare di più il dispositivo di iHealth, in quanto permette di renderlo abbastanza invisibile, agganciandolo ai pantaloni o alla tasca dei pantaloni. Il bracciale infatti è abbastanza ingombrante e vistoso. Allo stesso tempo non ha certo un’aria elegante e sembra più un dispsitivo da corsa che un bracciale da indossare tutti i giorni.

iHealth 01 3 copy

L’unico tasto laterale permette di passare da una schermata all’altra dell’orologio, cosa che in teoria dovrebbe essere possibile anche ruotando il polso, ma nella nostra prova non siamo mai riusciti nell’intento. È resistente agli spruzzi e potrete quindi indossarlo anche in una giornata piovosa, ma non è resistente alle immersioni (quindi, niente piscina). Le informazioni mostrate a rotazione sul display sono: ora, passi percorsi, chilometri camminati, calorie bruciate e un piccolo podio per darci un’idea dell’andamento giornaliero del numero dei passi percorsi. Tenendo premuto il tasto lo si mette in modalità notturna dove traccerà il nostro sonno.

20141021_093645

L’applicazione gratuita per Android è però, a nostro giudizio, il vero tallone d’Achille di questo dispositivo. L’applicazione è infatti la stessa che provammo ormai più di un anno fa, con gli stessi difetti. Oltre a non essere graficamente gradevole (sembra una vecchia app per iOS) il suo funzionamento è altalenante e sincronizzarlo può richiedere vari tentativi, oltre al fatto che nessun feedback viene fornito dell’app sul progresso della sincronizzazione (mentre sul dispositivo apparirà il simbolo del bluetooth). I dati mostrati ci permettono di essere mostrati a lista o a grafico e i dati del sonno sono mostrati in una voce separata. Sempre dall’applicazione, ma in un menù apposito più nascosto, è possibile attivare la modalità aereo (per disattivare il bluetooth) e la modalità guida, nel caso di lunghi viaggi per non registrare passi involontari.

È possibile anche attivare delle sveglie smart per far vibrare il bracciale dopo un lungo tempo di inattività, mentre non è possibile impostare delle sveglie classiche o analizzare un’attività fisica separatamente del conto dei passi giornalieri. L’autonomia è di circa una settimana e il display ben visibile in molte condizioni di luce.

In conclusione questo iHealth ha alcuni punti deboli (uno su tutti l’app per Android) ma anche qualche punto interessante che potrebbero farvelo preferire da altri dispositivi. Principalmente il prezzo (è disponibile a 46€ su Amazon) e il fatto di poterlo agganciare ai pantaloni, piuttosto che tenerlo costantemente al polso. Se poi avete altri prodotti iHealth allora potrete raccogliere tutti i dati in una sola app.