Xposed Lollipop

Xposed e Android Lollipop: gli ultimi commenti di Rovo89 predicano pazienza

Nicola Ligas

Per chi non lo conoscesse, Rovo89 è l’autore del celebre framework Xposed, una delle novità più importanti della scena modding Android degli ultimi anni, che ha permesso un grado di personalizzazione impensabile, pur senza ricorrere a firmware di terze parti. Purtroppo Xposed ha una limitazione: non funziona con ART, la runtime predefinita di Android 5.0 Lollipop, e purtroppo non ci sono buoni segnali all’orizzonte.

LEGGI ANCHE: Editoriale: Xposed e i custom firmware

A dispetto della recente developer preview di Lollipop, che abbiamo anche provato su Nexus 5, ART non è ancora definitivo, tanto che parte del suo codice incluso nella preview è vecchio di un mese, pertanto è inutile sviluppare adesso su basi così mutevoli.

ART non è comunque il solo problema: SELinux è stato rafforzato, mettendo i bastoni delle ruote a Xposed, e disabilitarlo o cambiarne le policy probabilmente richiederebbero il flash di una diversa bootimage/kernel, il che potrebbe cambiare (complicandolo) l’installazione del framework stesso.

E detto questo, Rovo89 chiarisce anche di non avere affatto in mente di adottare a breve il Material Design e che un’eventuale versione di Xposed compatibile con ART su KitKat sarà rilasciata solo se richiederà un minimo sforzo rispetto a quella per Lollipop, altrimenti rimarrà solo un proof of concept.

Morale della favola: dovremo aspettare fintanto che le immagini finali e i sorgenti di Android 5.0 non saranno disponibili. Solo a quel punto partirà il vero sviluppo di Xposed, il che significa ovviamente aspettare ancora, ma difficilmente accadrà qualcosa nel primo mese dal rilascio di Lollipop. Detto questo, non c’è nemmeno la certezza assoluta che Xposed possa funzionare al 100% con Android 5.0, ma la speranza è ovviamente di riuscirci, anche a costo di sacrificare un po’ di compatibilità con varie ROM e un po’ della semplicità di installazione che ormai lo contraddistinguono con KitKat. Incrociate le dita!

Fonte: Rovo89