mi-4-e-iphone

Botta e risposta tra Apple e Xiaomi: “ladri” – “provate prima di parlare”

Nicola Ligas

Hugo Barra in passato si era molto risentito dei paragoni tra la sua azienda ed Apple, rivendicando l’originalità di Xiaomi. Non la pensa però così Jony Ive, celebre designer di Cupertino, particolarmente esposto alla luce dei riflettori dopo la presentazione dei nuovi iPhone.

LEGGI ANCHEXiaomi Mi4 vs Meizu MX4, il nostro confronto (foto e video)

Durante un’intervista infatti, Ive si è lasciato andare a commenti piuttosto severi circa l’azienda cinese, che ha prontamente risposto per bocca del suo Presidente, Lin Bin, e di Barra stesso.

I don’t see it as flattery. I see it as theft. I have to be honest. The last think I think is ‘Oh, that is flattering … all those weekends I could’ve been home with my family’ … I think it’s theft and it’s lazy. I don’t think it’s OK at all.

Non lo vedo come una forma di lusinga. Lo vedo come un furto. L’ultima cosa che penso è ‘Oh, che cosa lusinghiera … tutti quei weekend in cui avrei potuto essere a casa con la mia famiglia’ … Penso che sia furto e pigrizia. Non penso che vada affatto bene.

Ive non usa insomma mezze parole per i rivali, che tra un po’ non considera nemmeno tali, ma la replica di Xiaomi non si fa attendere, ed è particolarmente sagace quella di Lin Bin:

Xiaomi is a very open company, which would never force anyone to use its products. However, one can only judge Xiaomi’s gadgets after he or she has used them. I’m very willing to give a Xiaomi cell phone to him as a present, and I look forward to hearing his remarks after he uses it.

Xiaomi è un’azienda molto aperta, che non costringerebbe mai nessuno ad utilizzare i propri prodotti. Comunque, i dispositivi Xiaomi possono essere giudicati solo dopo averli provati. Sarei ben lieto di regalargli [ad IVE] un nostro smartphone, e non vedo l’ora di sentire le sue osservazioni dopo che l’avrà usato.

Barra ripete invece il mantra già espresso tempo addietro, che sinceramente ci convince un po’ di meno, specialmente nel paragone con HTC:

If you look at the iPhone 6, iPhone 6 has been using the design language that has been around for a while. The iPhone 6 is using design language that HTC has had for 5 years. You cannot claim full ownership of any kind of design languages in our industry.

Se guardate iPhone 6, vedrete che usa lo stesso tipo di design che è in circolazione da tempo. iPhone 6 usa un tipo di design che HTC ha avuto per 5 anni. Non puoi reclamare il pieno possesso di un certo tipo di design nel nostro settore.

Come evidenzia l’immagine di apertura, le maggiori somiglianze dell’ultimo smartphone Xiaomi non sono tanto con iPhone 6 quanto col modello precedente (all’ultimo ci ha pensato Meizu), e per certi versi le affinità (non solo estetiche) sono così innegabili che voler invece rigirare la frittata è assai meno convincente che non glissare proprio sull’argomento, come ha fatto Mr. Bin.

In ogni caso queste scaramucce sono piuttosto normali nel settore, e se Xiaomi finora non si è voluta ufficialmente spingere oltre il mercato orientale un motivo in fondo ci sarà, ma di certo non lo ammetteranno in un’intervista. D’altro canto il fatto che uno come Ive parli di loro significa anche dargli importanza e riconoscerli come dei rivali, il che, per Xiaomi, è già un successo.

Via: Business Insider
Applehugo barra