Goat Simulator Header

Goat Simulator, la nostra prova del folle simulatore di capra (video)

Lorenzo Delli

I primi commenti a caldo a riguardo del porting di Goat Simulator per Android non sono stati tra i più entusiasti: “A che pro?” o “Ma infatti ve lo dovete scaricare gratis, col cavolo che gli lascio 5€!” e anche “Ma c’è davvero gente che gioca a questo coso?“. Il fatto è che cercare un senso a Goat Simulator è una vera e propria perdita di tempo: è proprio l’essere senza senso il suo punto di forza, la sua peculiarità più marcata.

LEGGI ANCHE: Surgeon Simulator: il folle simulatore di chirurgia arriva su Android

Folle, senza senso, pieno di bug, folle (abbiamo già detto che è folle?): Goat Simulator ci mette nei panni di una capra che può vagare liberamente per le strade di una piccola cittadina, capra però dotata di poteri sovrumani. La bestiola “protagonista” del gioco può infatti sopravvivere ad esplosioni e cadute incredibili, ed è dotata di una lingua prensile e allungabile con cui può afferrare praticamente qualsiasi cosa e trascinarla per metri. State ancora cercando un senso a Goat Simulator dopo aver letto queste righe?

Goat Simulator è in pratica un Free Roaming, un titolo che offre al giocatore libertà completa di esecuzione. Non c’è nessun obiettivo, se non quello di divertirsi causando panico e distruzione nella piccola cittadina che fa da teatro al gioco dei ragazzi di Coffee Stain Studios (i cui uffici sono presenti in gioco e possono essere messi a ferro e fuoco). Proprio i ragazzi di Coffee Stain Studios hanno però nascosto in Goat Simulator una serie di segreti utili a sbloccare nuovi aspetti (e nuovi poteri) per l’amabile e docile capretta.

Goat Simulator Sample

NESSUN OBIETTIVO IN PARTICOLARE, SE NON QUELLO DI DIVERTIRSI SEMINANDO CAOS E DISTRUZIONE

Potremo ad esempio sbloccare l’aspetto di Regina delle Capre, che ci permetterà di far piovere letteralmente capre dal cielo, o l’aspetto di Capra Demoniaca, in grado di attirare a sé qualsiasi oggetto nelle vicinanze. Potremo altrimenti utilizzare l’aspetto di Spider-Goat, dotando la bestiola di una lingua che niente ha a che invidiare con le ragnatele di Peter Parker.

Un altro dei punti di forza di Goat Simulator risiede nell’alto numero di bug presenti. Si, avete capito bene: il gioco è pieno di bug, che però di fatto contribuiscono a rendere ancora più “no sense” e divertente l’esperienza complessiva. Bisogna però ammettere che alcuni di questi bug, uniti ad un motore grafico tridimensionale realizzato con l’ausilio di Unreal Engine e al motore fisico NVIDIA PhysX, fanno sì che il dispositivo (smartphone o tablet) sia afflitto da eccessivo surriscaldamento o da rallentamenti esagerati.

La domanda che forse vi starete ponendo è: “Ma Goat Simulator li vale questi 4,49€?”. Dipende da voi (NdR: come al solito). Se cercate un senso a questo gioco, spendete i vostri soldi altrove. Se cercate un passatempo folle, senza troppe pretese, capace di strapparvi risate specialmente se giocato a fianco di qualche amico, allora avete trovato il “gioco” che fa per voi. Abbiamo realizzato una rapida video prova su ASUS Nexus 7 2013 che, come potrete vedere, è talvolta afflitta da rallentamenti proprio a causa dei problemi sopra citati. Considerate però che si deve valutare anche il carico di lavoro aggiuntivo dettato dal software utilizzato per la registrazione.

Google Play Badge

video