google final

La Germania vuole che Google sveli i segreti del suo algoritmo di ricerca

Nicola Ligas -

Il ministro della giustizia tedesco, Heiko Maas, punta al cuore di Google: il motore di ricerca, o meglio l’algoritmo che lo muove, uno dei “segreti” più desiderati del web, che ha consentito a BigG di raggiungere una posizione che la Germania definisce di fatto un monopolio in Europa.

Il problema, secondo Maas, sarebbe relativo alla trasparenza dell’algoritmo di Google, che andrebbe verificata per evitare violazioni alla privacy dei cittadini, per i quali il ministro tedesco vorrebbe introdurre uno standard unico di protezione dei dati a livello dell’intera Unione europea.

LEGGI ANCHEGoogle permette ora agli europei di richiedere la rimozione dei dati personali

Ciò che a quanto pare ha fatto scattare l’attenzione di Maas è il 95% di quota di mercato dei motori di ricerca raggiunto da Google, una quota che il ministro definisce di dominio monopolista, non di libera concorrenza.

I commenti, non solo da parte di Google, sono ovviamente negativi. Robert Kimmitt, ex ambasciatore USA in Germania, afferma in pratica che non dovrebbe essere proprio un paese innovatore come quello tedesco a proporre simili forme di controllo della proprietà intellettuale.

E se l’intesa non arrivasse? La Germania potrebbe chiedere misure eccezionali e coercitive all’intera UE, e senz’altro lo farà a livello nazionale. Un braccio di ferro tutt’altro che piacevole insomma, forse per ambo le parti.

Fonte: Repubblica