android one final

Tutto quello che dovreste sapere su Android One

Nicola Ligas -

Nella giornata di ieri, Google ha ufficialmente lanciato in India i primi smartphone Android One. Si tratta di una nuova linea di dispositivi mirata ai mercati emergenti, dove sempre più spesso produttori di terze parti ricorrono a fork di Android che non includono i servizi di Google, e che ovviamente l’azienda di Mountain View cerca così di contrastare.

LEGGI ANCHE: I fork Android al 20%

Ovviamente il lancio di una linea di prodotti voluti da Google ha suscitato grande tam tam, e facilmente vi sarete imbattuti in decine di notizie al riguardo negli ultimi giorni. Vediamo quindi di riassumere brevemente le cose principali da sapere su Android One, per evitare anche possibili malintesi che facilmente si generano in questi casi:

  • I primi tre smartphone Android One sono prodotti da Micromax, Spice e Karbonn e condividono praticamente le stesse caratteristiche tecniche (dual SIM, 4,5”, CPU MediaTek, 1 GB di RAM, 4 GB di memoria interna (espandibile), fotocamera posteriore da 5 megapixel, radio FM) e lo stesso prezzo, che in India ammonta a circa 100$.
  • Gli smartphone Android One sono basati su Android 4.4 KitKat stock, come quello che trovereste sui Nexus.
  • Gli aggiornamenti di Android sono garantiti per due anni e saranno rilasciati direttamente da Google.
  • In India (e probabilmente poi negli altri mercati) i video di YouTube saranno scaricabili offline.
  • Sempre in India (e poi probabilmente altrove) Google ha spinto con gli operatori per offrire piani internet economici, da usare ovviamente con i nuovi smartphone Android One.
  • Google ha già annunciato nuovi partner per i futuri modelli Android One, tra cui Qualcomm per la produzione di chip, e AcerAlcatel Onetouch, ASUSHTC, Intex, Lava, Lenovo, Panasonic, e Xolo per la realizzazione dei dispositivi.
  • Android One arriverà in Indonesia, Filippine e altri paesi asiatici (Bangladesh, Nepal, Pakistan, e Sri Lanka) entro la fine dell’anno. Nuovi mercati saranno annunciati nel 2015.

Questa linea di smartphone non è quindi pensata per il nostro mercato, e difficilmente vi arriverà a breve: prima dovrà allargarsi fino a coprire molti più paesi oltre all’India, e poi forse potremo riparlarne. Non siamo comunque molto ottimisti riguardo un suo possibile arrivo in Italia, anche futuro, ma saremo ben lieti di essere smentiti dai fatti. Di seguito vi lasciamo una breve video anteprima degli smartphone che hanno da poco debuttato in India.

video