droipaper

DroidPapers: da adesso solo sfondi open source

Giuseppe Tripodi

Vi ricordate di DroidPapers? Tutti gli amanti dei wallpaper la avranno certamente istallata sul proprio dispositivo dato che quest’applicazione raccoglieva tutti gli sfondi e le suonerie di default dei più comuni smartphone presenti sul mercato.

LEGGI ANCHE: Ecco gli sfondi di Moto X 2014

Il software, tuttavia, prenderà un’altra piega: lo sviluppatore ha comunicato con un post su Google + che, a causa di potenziali problematiche legate al copyright delle immagini, da oggi pubblicherà soltanto sfondi open source, rimuovendo il materiale prelevato da prodotti di altre compagnie.

Condividere uno scatto o un suono coperto da diritti d’autore è infatti illegale e, per evitare di incappare in guai legali, i contenuti presenti su DroidPapers arriveranno solo dalle seguenti fonti: MIUI, ChromeOS, AOKP, CyanogenMod, LiquidSmooth, OnePlus e Paranoid.

Per quanto la decisione possa dispiacere a chi ama personalizzare il proprio dispositivo, la riteniamo comunque una scelta inappellabile che prima o poi sarebbe arrivata. Per chi volesse comunque provare DroidPapers, lo può trovare gratuitamente sul Play Store tramite il badge di seguito.

Google Play Badge