Nuova Build Android L

Android L: scoperta build con novità nella UI e menzione a Lemon Meringue Pie (foto)

Lorenzo Delli

Nuovo giorno, nuova build di Android L: a quanto pare qualche giorno fa è apparsa su Chrome Bug Tracker un post con una foto di un Nexus 5 dotato della build LRW66E ed un interessante bug report, post reso successivamente privato. La build risale a quanto pare al 4 settembre e mostrerebbe alcune piccole novità per quanto riguarda l’interfaccia grafica; il bug report invece riporta la voce di un nuovo Google Play Services e l’acronimo LMP (Lemon Meringue Pie) relativo proprio alla nuova versione di Android.

LEGGI ANCHE: Android L build LRW50D in test su Nexus 7 2013

DettagliDall’immagine posta in apertura (che trovate anche nella galleria posta di seguito) si possono notare alcune delle piccole novità introdotte a livello grafico in questa nuova build.

Il toggle ad esempio (denominato aSwitch nelle guide linea del Material Design) è più corto e presenta una traccia più corposa. Potrebbe sembrare un dettaglio insignificante, ma rimane il fatto che va contro le linee guida imposte dal Material Design. Altre novità riguarderebbero i seguenti punti:

  • Introduzione dell’icona per i dispositivi associati via Bluetooth (in particolare gli smartwatch, altri dispositivi avevano già l’icona associata)
  • Icona a ingranaggio che assume la colorazione tipica di Android L
  • Scomparsa (probabilmente momentanea) della durata della visibilità del Bluetooth
  • Nuova icona di Gmail nella barra delle notifiche che indicherebbe la presenza di più email non lette
  • Lievi modifiche alle icone di Wi-Fi e potenza segnale.
Foto Android Police

Inoltre, come già accennato nell’introduzione, nel bug report sono apparsi riferimenti ad una nuova versione di Google Play Services, la 6.0.89 per la precisione, e l’acronimo LMP, che ricondurrebbe nuovamente al nome Lemon (o LimeMeringue Pie.

Bug Report Android LMP

Non è comunque da escludere la possibilità che tali modifiche non siano poi rese definitive in quella che sarà la versione stabile di Android L, così come il fatto che Lemon Meringue Pie non sia altro che il nome in codice momentaneo assegnato dai ragazzi di Google.

Fonte: AndroidPolice