Messenger forever alone

Facebook si separa definitivamente da Messenger, che ora supporta Android Wear

Nicola Ligas

Dire che è una novità sarebbe mentire spudoratamente, ma faremo comunque finta che non ne sappiate nulla e vi spiegheremo brevemente che succede.

Se volete usare la chat di Facebook, d’ora in poi, non potrete più avvalervi dell’app principale, ma dovrete scaricare Messenger. La schermata che riceverete dovrebbe essere affine a quella che potete vedere in questo articolo, e non vi darà modo di chattare con l’app principale.

Il download di Facebook Messenger è comunque gratuito, e Facebook afferma che quest’ultimo sia molto più veloce (dell’app di Facebook stessa quindi): “di fatto abbiamo notato che la velocità con cui le persone rispondono su Messenger è superiore del 20% rispetto a Facebook. Pertanto, quando i tuoi amici inizieranno a usare Messenger, ti accorgerai che le loro risposte saranno più veloci.”

LEGGI ANCHE: Perché Facebook Messenger si separerà dall’app di Facebook

 E se ancora non foste del tutto convinti, è sempre il social network stesso a ricordarvi come mai dovreste preferire l’uso di un’app stand alone alla chat incorporata nell’applicazione principale:

Messenger è un’applicazione gratuita che funziona proprio come gli SMS. Puoi inviare messaggi anche a persone che non sono tuoi amici su Facebook ed effettuare chiamate gratuite, anche internazionali, su Wi-Fi.

Puoi anche usare la fotocamera su Messenger per inviare subito selfie, altre foto e video. Inoltre, puoi creare dei gruppi per le persone con cui ti scambi più messaggi e inviare gli adesivi.

Messenger garantisce un’esperienza più veloce e affidabile e siamo lieti che più persone stiano provando l’applicazione. Ci impegneremo ad aggiungere nuove funzioni e ad apportare miglioramenti in modo che continui a funzionare perfettamente per tutti.

E tanto per rendere più completa l’esperienza con Messenger, ora anche la versione stabile supporta Android Wear, così potrete continuare a chattare dal vostro polso, anche con il telefono sepolto sul fondo dello zaino.

Google Play Badge