color

Il material design spiegato da Roman Nurik (foto e video)

Nicola Ligas

surface2b

Roman Nurik è uno che in quanto a design e usabilità non ha bisogno di presentazioni: sue sono DashClock e Muzei, due delle app più famose nel loro genere, con grafica curata ed espandibilità senza paragoni.

Nurik prende ora la parola sul blog degli sviluppatori Android, per illustrare i principi del Material Design, le nuove linee guida che Google vuole applicare sia su piattaforma fissa che mobile, attraverso esempi presi dall’app del Google I/O 2014.

LEGGI ANCHE: Ecco i sorgenti dell’app del Google I/O

Ogni elemento della UI viene pensato con una sua profondità (elevation design) ed ogni superfice è indipendente dalle altre, anche se poi alla resa dei conti non è detto che questa si manifesti visivamente in maniera troppo marcata. Guardate ad esempio l’immagine di apertura: il risultato sarà “piatto”, ma il concetto viene pensato con le sovrapposizioni che l’animazione illustra.

Anche i colori hanno un’importanza molto maggiore che in passato, e finalmente margini e griglie sembrano essere avere l’attenzione che meritano, e speriamo di non dover più assistere ad elementi disallineati nella UI di sistema, e non solo nelle app.

E non dimentichiamoci dei pulsanti: circolari, animati, belli. E questo è solo l’inizio. Per approfondire vi invitiamo a cliccare sul link alla fonte, cosa che tutti gli sviluppatori interessati probabilmente avranno già fatto.

Fonte: Android Developers
video