Whistle me head

Ritrovare il proprio smartphone con un fischio, grazie a Whistle me (foto)

Leonardo Banchi

Quante volte vi è successo di appoggiare lo smartphone da qualche parte, in casa, e non riuscire più a trovarlo? Il buon vecchio metodo della telefonata al proprio numero, spesso, viene vanificato dall’impostazione in modalità silenziosa, e la prospettiva del tempo perso a frugare in tasche e borse è sempre più realistica. Per evitare tutto questo, però, potete rivolgervi a Whistle Me.

LEGGI ANCHE: Android Device Manager 1.2 ci permette di loggarci sullo smartphone di un amico

Il funzionamento di Whistle Me è molto semplice: quando non riuscite a trovare il vostro cellulare, fate un fischio: lo smartphone lo riconoscerà e inizierà a segnalare la propria presenza con una suoneria e illuminando lo schermo con l’immagine del noto robottino verde.

Avrete poi la possibilità di selezionare alcune impostazioni, per adattare l’applicazione al vostro modo d’uso: ad esempio, se volete evitare di far partire il suono ad un fischio udito per altri motivi, potete decidere di farlo suonare solo al riconoscimento di due più fischi consecutivi. Per essere sicuri di riuscire a trovarlo, inoltre, potete forzare il volume al livello massimo anche in modalità silenziosa, o programmarne l’avvio all’accensione del dispositivo.

Per rendere più simpatico il ritrovamento del vostro cellulare, infine, potrete modificare il suono del segnale acustico: invece di una suoneria, potrete infatti programmarlo per pronunciare ad alta voce l’ora, oppure un messaggio personalizzato.

L’applicazione è disponibile gratuitamente sul Play store, grazie ad un piccolo banner pubblicitario presente sotto la schermata delle impostazioni. In alternativa, potete acquistare la versione senza pubblicità al prezzo di 0,61€. A seguire trovate il badge per il download gratuito e una galleria di immagini.

Google Play Badge