Hideo Kojima

I giapponesi sarebbero più interessati al mobile gaming che alle console

Lorenzo Delli

Non abbiamo utilizzato il faccione di Hideo Kojima in apertura di questo articolo a caso: Proprio Kojima, in occasione di un’intervista rilasciata ad inizio marzo, riportò la tendenza sempre più marcata, specialmente in Giappone, relativa al maggiore interesse nei confronti del settore del mobile gaming rispetto ai titoli di fascia alta dedicati invece alle console. Tale tendenza viene confermata a distanza di qualche mese dalla Computer Entertainment Supplier’s Association (CESA), organizzazione giapponese responsabile tra l’altro del Tokyo Game Show.

LEGGI ANCHE: Hideo Kojima: i giovani si concentrano maggiormente su titoli social e mobile

Secondo l’analisi effettuata, nel 2012 il fatturato sulle console vendute si attestava sugli 1,9 miliardi di dollari, registrando un calo nel 2013 di circa 0,4 miliardi. Lo stesso calo si è registrato anche nel settore hardware/software relativo alle console, con un calo di circa 0,9 miliardi nel giro di un anno. Quello relativo al mobile gaming invece ha raggiunto una cifra considerevole parti a 3,5 miliardi di dollari. Si spiegano quindi le molte attenzioni riservate al settore mobile dalle software house nipponiche più famose quali Square Enix, Capcom, SEGA e Bandai Namco. Smartphone e tablet si confermano quindi sempre più come le console portatili del futuro.

Via: vg247.itFonte: Polygon