google data center 3

“Gravi criticità” per la riservatezza delle comunicazioni su internet in Italia

Nicola Ligas

Una relazione riservata del Dipartimento attività ispettive dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali, denuncia l’insufficiente stato di sicurezza (per usare un eufemismo) in cui si troverebbero le telecomunicazioni italiane.

LEGGI ANCHE: Wind e H3g in cerca di accordo

Una serie di criticità così gravi “sulle misure di sicurezza logiche e fisiche” da mettere in pericolo la riservatezza di telefonate, SMS, email, e navigazione in internet nel nostro paese. Scrivono infatti gli ingegneri informatici del Garante:

Tali apparati dispongono di funzionalità tecniche che possono consentire di replicare, in tempo reale, il traffico in transito dirottando il flusso replicato verso un’altra porta (port mirroring)”…

La cosa merita la massima attenzione in quanto si tratta di strutture nevralgiche nel sistema di comunicazioni elettroniche del Paese poiché attraverso questi nodi di interscambio passano enormi flussi di traffico relativo alle comunicazioni degli abbonati e utenti (anche pubbliche amministrazioni e imprese) dei principali operatori nazionali.

Le infrastrutture cui fanno riferimento i tecnici sono gli Internet eXchange Point (IXP), che consentono lo scambio di dati tra ISP diversi (Telecom, Wind, Fastweb, ecc.): se, ad esempio, un utente Wind dovesse navigare su un sito ospitato da Telecom, il suo traffico dati passerebbe per uno di questi IXP.

Capirete quindi facilmente perché la sicurezza di simili nodi accentratori sia di particolare importanza, ed a quanto pare lo stato di quella del nostro paese è “critica”.

Si tratta di un argomento molto delicato e “più grande di noi”, per il quale non possiamo che aspettarci una risposta, dopo il lancio di un sasso che non mancherà di scuotere le acque.

Via: Repubblica
Fastweb