glass pensiero

I Google Glass presto si controlleranno con la mente (o sarà forse il contrario?)

Nicola Ligas

I Google Glass sono da poco arrivati in Inghilterra, e la compagnia londinese This Place cerca subito di mettersi in evidenza, realizzando un sistema di controllo per gli occhiali che sfrutta le onde cerebrali.

L’app in questione si chiama MindRDR e funziona in congiunzione con un ulteriore dispositivo, che vedete illustrato nell’immagine di apertura: una sorta di EEG portatile realizzato da Neurosky.

LEGGI ANCHE: I Google Glass non sono LA risposta

L’app interpreta i segnali del sensore e li traduce in comandi per i Glass, ma al momento l’interazione (quando funziona) è abbastanza limitata. È possibile scattare immagini e caricarle su Facebook o Twitter e nient’altro. This Place ha comunque pubblicato l’app su GitHub aprendone i sorgenti, il che significa che chiunque potrà espanderne le capacità.

Non pensate ad un simile congegno per l’uso quotidiano: i Glass sono già abbastanza vistosi in sé, figuriamoci con un altro accessorio a corredo; nel caso di persone disabili però, o quando non è comunque possibile usare mani o voce per qualsivoglia ragione, ogni altro tipo di interazione può essere vitale.

httpvh://vimeo.com/99915694

Via: Engadget
Google Glass