Wave Wave

Wave Wave di Thomas Janson è un gioco brutale (foto e video)

Giorgio Palmieri

Onde evitare di tenere sulla coscienza i nostri lettori, vi informiamo che Wave Wave di Thomas JansonNoodlecake Studios potrebbe causare nausea e forti mal di testa. Può essere pure un valido toccasana per la stitichezza, ma su questo non possiamo metterci la firma, anche perché ognuno ha gusti diversi.

LEGGI ANCHE: Hexagony: una variante di Super Hexagon disponibile sul Play Store

Di cosa si tratta: Wve, Waev, cioé Wave Wave è un gioco arcade che metterà a dura prova i vostri riflessi: vedetelo come il prodotto di un coito tra Super Hexagon e Flappy Bird. Al comando di una linea bisognerà tappare (con leggerezza, mi raccomando) per fare zig zag tra i triangoli messi apposta per ostacolarci. Semplice, vero? Si? No. Per niente. Preparatevi ad una dose di distrattori tali da farvi mangiare le mani di aver scelto di scaricarlo invece di andare a fare la spesa per domani.

Il gameplay brutale promette tanta gratificazione e parecchie evocazioni esoteriche, e quelli che hanno apprezzato oO grideranno al miracolo videoludico. Con cinque modalità, sei livelli di sfida, super colonna sonora adrenalinica, 25 stage e con il multigiocatore locale, Wave Wave promette numerose ore di divertimento – insulti – pianti (scegliete a piacere almeno due di questi termini) al prezzo di 1,36€ senza acquisti in-app.

Occhio però agli effetti collaterali: fonti esterne ci dicono che una sessione di circa quindici minuti su Wave Wave aumenti del sessanta per cento la probabilità di sbagliare sanitario per il bisogno giornaliero. Poi non dite in giro che non vi avevamo avvisati, del resto lo abbiamo povato, prevato, cioé provato sulla nostra pi-pa-pelle. Cerchiamo di raccogliere quante più testimonianze qui nei commenti prima di firmare una petizione contro il gioco a causa della ormai persa sanità mentale.

Google Play Badge

video