quick settings_2

Android L cambierà barra delle notifiche e quick settings (foto)

Nicola Ligas -

quick settings_1quick settings_2

Android L sarà mostrato questa sera al Google I/O, per poi essere rilasciato al pubblico il prossimo autunno. Questo ormai lo diamo per scontato, ma ciò ancora scontato non è, è quello che Google deciderà effettivamente di svelarci della prossima versione del robottino, che potrebbe essere Android 4.5, continuando a seguire la numerazione sequenziale, o balzare ad Android 5.0, come molti spererebbero, perché un cambio radicale di numero è sempre più confortante e foriero di novità di maggior rilievo.

Numeri a parte, abbiamo ora modo di dare uno sguardo a dei mockup del nuovo pannello delle notifiche, che presenta significativi cambiamenti rispetto al precedente. Attenzione quindi: non sono immagini originali, ma rifacimenti il più possibile simili alla realtà di come dovrebbe essere l’interfaccia.

LEGGI ANCHE: A quale dolce sarà ispirato Android L?

La novità di maggior rilievo è che notifiche e quick setting saranno in pratica uniti, con i secondi che potranno essere ingranditi con clic in alto sulla barra o con uno swipe down (notare la differenza tra le due immagini in apertura); non solo, ma ciascun tile non si limiterà ad accendere / spegnere una funzione o a rimandarci alla sua pagina delle impostazioni, ma avrà un pannello aggiuntivo, dove potremo ad esempio scegliere a quale rete Wi-Fi collegarci, o dove avremo informazioni aggiuntive su batteria e traffico di rete. Il pulsante “more” ci rimanderà invece alle impostazioni vere e proprie, casomai ne avessimo ancora bisogno.

Fra i tanti tile noterete quello con l’icona della campana sbarrata, già visto negli screenshot di Android L trapelati ieri: molto probabilmente dovrebbe riferirsi alle notifiche heads up, quelle in sovraimpressione, ma non è escluso che sia ancor più generico, e blocchi proprio ogni tipo di notifica da parte del telefono.

quick settings palette

Notate infine come anche le normali notifiche siano cambiate, sempre più in stile Google Now, e sembra anche che Google stia sperimentando con la palette di colori che meglio le rappresenterebbero: l’arancione dovrebbe essere riservato per toggle e slider, mentre il verdolino per le informazioni aggiuntive, e infine il grigio per lo sfondo.

Fonte: Android Police