Amazon Fire Phone Final

Amazon Fire Phone: hands-on del primo smartphone di Amazon (foto e video)

Lorenzo Delli -

Anche Amazon, a partire dalla serata di ieri, è ufficialmente entrata nel mercato degli smartphone, e bisogna ammettere che lo ha fatto con un certo stile, introducendo delle feature davvero particolari sul suo Amazon Fire Phone. Dynamic Perspective, Firefly, ASAP, attenzione ai dettagli: potremmo descrivere con questi termini il nuovo dispositivo del colosso dell’e-commerce che purtroppo, al momento, sembra destinato al solo mercato statunitense.

LEGGI ANCHE: Amazon Fire Phone ufficiale: display 3D con “prospettiva dinamica” e Firefly (foto)

Senza dubbio, una della caratteristiche di sicuro impatto, è l’interfaccia del dispositivo, che grazie alle quattro fotocamere frontali, dotate anche di piccole luci a infrarossi per funzionare senza luce, si anima in una sorta di 3D. L’effetto è stato denominato da Amazon “Dynamic Perspective“, e grazie ad un SDK rilasciato dalla società sarà possibile, per gli sviluppatori, adattare le proprie app e i propri giochi per animarsi sullo schermo del Fire Phone.

Fire OS 3.5, l’OS mobile di Amazon basato su Android, non solo viene visto dall’utente in tre dimensioni, ma può anche essere usato con un cenno della testa, per scorrere tra gli elementi nell’app drawer, per aprire menu, per sfogliare le pagine di un libro. Da quanto riportato dai colleghi di The Verge, tale metodologia di navigazione è forse meno facile di un semplice swipe o tap, ma è comunque più divertente e per certi versi quasi naturale. Il sistema è una versione leggermente modificata del Fire OS presente sui tablet di Amazon.

Amazon Fire Phone Hands-On (3)

Firefly è una delle killer feature di questo Amazon Fire Phone

E poi c’è la fotocamera posteriore, che non si limita solo a scattare delle foto di buona qualità, grazie al sensore da 13 megapixel. Una delle “killer feature” di Amazon Fire Phone è infatti Firefly, un applicativo che vi permette di puntare un oggetto, che sia esso un libro, un’opera d’arte, un prodotto alimentare, anche un film o un telefilm che state guardando sul vostro TV, e di ricevere informazioni a riguardo, oltre ovviamente alla possibilità di acquistarlo/visionarlo, se possibile, tramite Amazon e i servizi collegati.

Per quanto riguarda il feeling invece del dispositivo, si ha la sensazione di tenere in mano un dispositivo solido, non costituito però da materiali “pregiati” come quelli impiegati per l’HTC One M8. Troviamo il Gorilla Glass 3 sia sul display frontale sia nella parte posteriore, una sorta quindi di LG Nexus 4, con un bordo gommato che ne assicura una buona presa. La scelta poi di limitarsi ad un display da 4,7″ farà indubbiamente contenta quella fascia di utenza, in continua crescita, che non si trova a proprio agio con schermi troppo grandi. Purtroppo dobbiamo sottolineare un difetto evidenziato proprio nelle ultime ore: Amazon Fire Phone non ha il supporto per il così detto Bluetooth Smart (ovvero il LE – Low Energy), rendendolo quindi di fatto incompatibile con tutti quegli accessori che sfruttano questo standard.

Un dispositivo insomma che saremmo davvero curiosi di provare, ma che per il momento, vista anche la sua integrazione con molti servizi assenti in Italia, sarà limitato al suolo statunitense. A seguire una galleria di foto e un breve video hands-on che ci mostra anche le potenzialità della Dynamic Perspective.

Fonte: The Verge
Amazon Fire Phonevideo