Tronsmart T1000

Tronsmart T1000: la nostra prova del dongle EZcast (foto e video)

Nicola Ligas

Come probabilmente già avrete intuito, ci affascina molto l’idea di portare Android sul grande schermo, tanto che in passato abbiamo già provato numerose soluzioni atte allo scopo (vedi i dongle Miracast di NETGEAR, ASUS ed LG, per non parlare di Chromecast, anche se il suo scopo è un po’ diverso).

Dopo essere quindi rimasti in parte delusi dai prodotti più blasonati, abbiamo deciso di provare qualcosa all’altro estremo, nello specifico un dongle proveniente dalla Cina e basato su EZcast.

LEGGI ANCHE: AIRTAME, l’anti Chromecast in arrivo a luglio

Tronsmart T1000 è infatti un dispositivo che vanta il supporto a DLNA, Air Play, Miracast ed EZcast, questo protocollo che vuole fare concorrenza a Chromecast, e che anziché demandare l’invio di contenuti a tante app diverse, utilizza un’omonima applicazione per gestire il tutto.

EZcast è infatti anche il nome di un’omonima app, tramite la quale configurare il dongle ed inviarvi facilmente contenuti multimediali, siano essi foto, musica o video. Sarà inoltre possibile navigare in internet grazie al browser integrato, che purtroppo non è niente di eccezionale, ed anche visualizzare documenti, oppure mostrare in tempo reale sulla TV quello che sta inquadrando la videocamera del nostro smartphone.

Sono supportati inoltre tutti i video di YouTube, anche live, ed è possibile visualizzare foto e video memorizzati su Dropbox, anche se questi verranno prima salvati sul dispositivo, rendendo il tutto piuttosto lento.

Fin qui siamo più o meno dalle parti di Chromecast, che comunque vede nel fatto di non avere un’app centralizzata anche un punto di forza, perché molte altre potranno aggiungerne il supporto in futuro; ma Tronsmart T1000 è dotato anche di  modalità DLNA, tramite la quale potremo riprodurre sul televisore dei contenuti multimediali da un server DLNA, sia esso esterno oppure interno al dispositivo stesso. Se disponete ad esempio di un NAS compatibile DLNA o di un PC che faccia da server, laddove il vostro televisore non supporti il DLNA, in questo modo avrete risolto tutti i vostri problemi.

È inoltre presente anche il supporto miracast (trovate i dispositivi ufficialmente compatibili in uno screenshot a fine articolo), rinominato in EZmirror, probabilmente perché è stato apportato anche qualche cambiamento a livello di protocollo, dato che per la prima volta siamo riusciti ad avere un’esperienza di mirroring soddisfacente anche durante intense sessioni di gaming, sebbene a scapito di una compressione del video, in rari casi un po’ eccessiva.

Qualche bug o impuntamento di fondo rimane: ad esempio, prima di registrare il video che trovate qui sotto, non ero mai riuscito a mantenere la connessione Wi-Fi durante quella a EZmirror (vedi esempio di Asphalt 8 verso la fine del filmato), mentre in seguito è stato possibile, anche se a volte lo smartphone si impunta a non collegarsi più a niente e nessuno, tanto che è necessario riavviarlo. In ogni caso il software della pennina stessa si aggiorna abbastanza frequentemente, segno che c’è ancora del lavoro alle spalle, il che ci fa ben sperare.

Per quanto riguarda il prezzo, siamo sempre dalle parti di Chromecast: 23€ più spese di spedizione, e di certo non possiamo lamentarcene.

Google Play Badge

video